Autonomie, fumata grigia anche dal vertice tra Conte, Stefani e Bonisoli sulla cultura

giovedì 25 luglio 15:25 - di Redazione

Non è stato sbrogliato il nodo beni culturali nel vertice a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte e i due ministri Alberto Bonisoli e Erika Stefani. Iniziata con oltre un’ora di ritardo, la riunione è durata poco più di mezz’ora. «C’è ancora qualcosina», ha risposto il ministro ai Beni culturali ai cronisti che gli chiedevano se fossero stati risolti i nodi sulle soprintendenze sul tavolo. «Conte è bravissimo, ma c’è ancora da fare». Alla domanda come avesse trovato il premier dopo la giornata di ieri, il ministro in quota M5S ha risposto: «Come sempre, sempre sul pezzo».

Ottimismo, invece, dal ministro per il Sud Barbara Lezzi: «Chiudete sull’autonomia entro l’estate? Me lo auguro, perché è nel contratto di governo. La cosa importante poi è farla bene: chi non vuole farla bene significa che non vuole farla», ha detto il ministro per il Sud Barbara Lezzi a margine di una riunione tenuta a Palazzo Chigi con la Conferenza delle Regioni. «Sul fondo di perequazione non vedo problemi o distanze – conclude – Ho visto che anche la Lega è tornata ad essere d’accordo».

«Credo che meriti tutto il tempo possibile perché è un provvedimento epocale. Si farà ma non per due regioni e a scapito del Sud. L’Italia è una e indivisibile», ha invece dichiarato il vicepremier Luigi Di Maio, incontrando i giornalisti davanti al ministero del Lavoro. «Non voglio che accada quello che è successo nel 2001 con la riforma del Titolo V fatta dalla sinistra: sanità diverse, welfare diversi, servizi pubblici diversi, perchè l’autonomia della sinistra ha creato danni al Paese. Noi siamo garanti dell’unità nazionale, il Sud non sarà penalizzato».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi