Alessio Butti (FdI): “Basta, non si mettano più soldi pubblici in Tim se non dà garanzie”

lunedì 1 luglio 18:59 - di Redazione

“Qualsiasi forma di dialogo tra Tim e Open Fiber deve essere subordinata alla separazione della rete di Tim dai servizi. Non è più possibile pensare ad un ritorno in Italia di un operatore verticalmente integrato, sarebbe un ritorno al passato proprio nel momento in cui nel nostro Paese è iniziato finalmente a crearsi un minimo di concorrenza”. Lo dichiara Alessio Butti, deputato di Fratelli d’Italia e responsabile media e telecomunicazioni di Fratelli d’Italia. “Quanto al dibattito in corso sulla rete unica – ha aggiunto Butti – il disegno dal management di Tim rischia di apparire solo a discapito, a un tempo, di Open Fiber, degli operatori alternativi e dei consumatori italiani, che saranno costretti a pagare il conto a causa di tariffe destinate sicuramente a crescere a fronte di un blocco, peraltro già in corso, degli investimenti nelle nuove infrastrutture. Capisco inoltre la necessità di salvare Tim, una azienda in difficoltà per elevato debito e priva di un piano industriale –ha precisato il parlamentare di Fratelli d’Italia – ma Cassa Depositi e Prestiti non metta soldi pubblici in Tim, se non ha garanzie precise sulla separazione della rete e sulla uscita degli azionisti stranieri dalla gestione della rete. Non è pensabile fare nessun regalo agli azionisti Vivendi o Elliott”. “La rete – conclude il deputato di FdI – deve tornare nelle mani italiane anche per questioni di sicurezza nazionale. Serve una rete unica integrata FTTH e 5G a disposizione di tutti gli operatori alle stesse condizioni senza discriminazioni. Questo darà la possibilità di moltiplicare l’offerta di servizi sul mercato”.

(Foto Business online)

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi