A che titolo Matteo Renzi osa parlare di tradimento? Da sempre contro la Patria

domenica 14 luglio 6:00 - di Francesco Storace
renzi corruzione

Vieni qui Matteo. Sì, tu, Matteo Renzi. Vieni, siediti e respira. Respira bene prima di dire altre sciocchezze. Perché tu e quelli della tua banda proprio non potete accusare altri di tradimento contro la Nazione. Non ne avete titolo, per la storia di ieri e la cronaca di oggi. Lasciate stare che non vi conviene, perché avete una certa e coerente dimestichezza con i nemici della nostra Patria. Siete la sinistra che sta sempre dall’altra parte. E ora vieni tu a raccontare la favola?
Approfitta, Renzi, della storiaccia russa. Una vicenda davvero intricata di rubli e dollari che nessuno trova. Di mezzo c’è – vorrebbero infilarci – Salvini. E questo ci sta nel gioco della politica criminale a cui assistiamo stupefatti. Si parla di corruzione, che va provata, da parte di un soggetto, Savoini, per far finire soldi alla Lega. Chiacchiere, per ora. Se le accuse saranno provate, fatti loro. E della giustizia. Ma finora solo intercettazioni ambigue sulle quali saltano addosso avvoltoi rossi.

Amanti tradite

Fa ridere che proprio i rossi insorgano. Le amanti tradite. Ma come, prima da Mosca li davano a noi e ora al nostro nemico? E proprio qui sta la prima questione per la quale Renzi deve stare zitto. Il tradimento è una categoria che appartiene alla sinistra. Da sempre. E lo stesso Salvini farebbe bene a ribaltare il banco, visto che i nemici pararossi li ha anche in casa nel governo gialloverde. Ma il leader della Lega sembra imbambolato e sta lì a chiedersi chi trama.  Prima o poi lo si scoprirà, intanto va stoppato chi ci specula sopra, perché non ne ha alcun diritto. Soprattutto se muove quell’accusa là.
Perché semmai è la sinistra che sta sempre col nemico e tradisce l’Italia. Ma come? Sono i libri a raccontare di fiumi di denaro arrivati da Mosca alle Botteghe Oscure e gli eredi di quel Pci – e anche di quella Dc che magari si faceva finanziare da Washington – e Renzi parla di tradimento? Lo sa Matteo, lo ha studiato da qualche parte, con chi stava quel partito? Gli hanno raccontato com’era diviso il mondo mentre i comunisti andavano a riempire le borse di quattrini sovietici? Il Patto di Varsavia lo ha letto su qualche libro? Il Pci era finanziato dai nemici dell’Alleanza di cui era parte integrante l’Italia e voi osate parlare di tradimento?

Soros, Gentiloni e la Bonino

Poi, c’è la parte che Renzi e soci li riguarda più da vicino. I legami con Soros sono di oggi e non di Togliatti e Cossutta. Il riccone ungherese finanziatore delle Ong – e anche del caro alleato radicale, vero Emma Bonino? – lo riceveva in pompa magna a Palazzo Chigi il furbacchione di nome Gentiloni. Che ora alza il tiro contro Salvini. Sempre per Savoini. Ma sono invece loro, i moralisti da quattro soldi che stanno nel Pd a dover raccontare il grande tradimento dell’Italia consumato a Bruxelles. Quando per un po’ di flessibilità in più hanno accettato l’invasione dell’Italia da centinaia di migliaia di clandestini. E’ questo il tradimento della Nazione. Non c’è bisogno di intercettazioni. Lo vediamo ogni giorno e ancora parlate.
No, Renzi, adesso alzati, lascia quella sedia e sparisci. Perché non hai alcun titolo di attaccare i tuoi avversari. L’Italia l’hai fatta umiliare tu. Assieme a tuo compare Gentiloni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 26 luglio 2019

    Piangere sul latte versato….? Troppo tardi. Gli italiani si lasciarono infinocchiare gia’ da quel lontano 1945, credendo in un partito che doveva dargli pane e lavoro, invece….. si sono ritrovati sotto un giogo che li ha calpestati e continua a calpestarli ancora oggi. Quello che piu’ duole e che sono anche felici e contenti, c’e’ chi direbbe ” Cornuti e mazziati ” come si fa a chiamarli italiani? Mahhh !!!

  • Giuseppe Forconi 26 luglio 2019

    Che tristezza, renzi, gentiloni, bonino, prodi, vendola e sto incartapecorito di soros, tutti malfattori e distruttori della Nazione. Verra’ il giorno che li vedremo tutti su di una ardente pira, naturalmente vivi, per purificarsi dei peccati mortali commessi.

  • Silvia Toresi 15 luglio 2019

    Il PD è come il bue che dice cornuto all’asino.

  • Beniamino 14 luglio 2019

    Per quel che ricordo, l’articolo ripercorre quello che “vox populo” riferiva, perciò non posso non condividerlo; le parti politiche mettono sempre e comunque i bastoni al partito o ai partiti che governano: la sinistra intera non fa eccezione come del resto alcuni moderati….

  • Giacomo Puliatti 14 luglio 2019

    Questo tizio è sempre lo stesso, la brutta copia di Mr. Been ed è come un avvoltoio che si accanisce sulla carcassa del moribondo. Ve lo ricordate quando disse che non avrebbe mai tolto la poltrona a gargamella e battendogli le spalle, gli disse che poteva andare avanti? Ecco il traditore , il giuda sinistroto che si avventa. Non solo gli tolse la sedia, ma se la mise sotto il suo culo con la presunzione di dare un leader alla Patria degna di questo nome. Io non capisco come i fiorentini lo abbiano fatto loro sindaco, è una cosa che dovrebbero spiegarlo a tutti quelli che ora, piangono per le sue dabbenaggini. Attenti amici! sta tornando!! attenti sinistroti vedo di nuovo la vostra carcassa.

  • Cristiani Riccardo 14 luglio 2019

    al di là della questione rubli, la sinistra il tradimento all’Italia lo ha già consumato con la vergognosa vicenda Carola comandante Sea Watch e la sua sfida alla loro Patria Italia e ai suoi cittadini italiani

  • lanfranco 14 luglio 2019

    il trio monnezza cospira contro un Italia libera e indipendente.Questi associati sono altamente tossici per una nazione libera da le banche e dalla filosofia Sorosiana spella poveri e contaminante

  • Aurora De palma 14 luglio 2019

    Vuole rifarsi una verginità uccidendo ilPD. Cosa è andato a fare al Bilderberg? Con la Gruber? A decretare la fine di ciò ch’è rimasto di questa nazione martoriata? E poi parla di un governo che non si muove. Ma il governo non ha capito che tutto ciò che fan l’ opposizione è la solita pappa per spingere ad interessarsi di cose futili rispetto alle istanze che dovrebbe portare avanti più utili alla nazione
    È una tattica che funziona come fu per Berlusconi Fino a portarlo dinanzi ad un tribunale.
    Speriamo che finiscano di blaterare non se ne può più. Di falsita’.

  • Raffaele 14 luglio 2019

    Quando ci vuole ci vuole !!

  • Giuseppe Spotti 14 luglio 2019

    “La cosa terribile è che c’è stato l’incanaglimento della gente, l’esplosione dell’odio.”
    E di questo “incanagliamento” ancora oggi si nutrono le canaglie comuniste gonfie di odio. Brutta gente, marci dentro, senza un’anima come zombi.

  • Giuseppe Tolu 14 luglio 2019

    Mangiafuoco ha aperto il carrozzone, il primo che ha sbrogliato la matassa dei fili ha detto qualche cosa; no no, quello che parlava era Pinocchio

  • 14 luglio 2019

    Da quando è nato il partito comunista i suoi politici,elettori e seguaci hanno sempre tramato contro l’Italia,sia nella politica interna che esterna e sia nella conduzione della governabilità.
    Negli ultimi anni poi c’è da mettersi le mani nei capelli:hanno agito in modo da far invadere l’Italia da orde di terroristi,stupratori,spacciatori di sostanze dopanti,tratta di organi,delinquenti vari,parassiti nullafacenti e prepotenti.
    E hanno anche il coraggio di ergersi a persone limpide e caste addebitando agli avversari politici ciò che loro hanno fatto per anni.
    Avessero almeno il buonsenso di riconoscere i propri errori e di dare finalmente una mano concreta a far risorgere la nostra amata Italia.

  • In evidenza