Zingaretti, dilla una cosa di sinistra sulla moglie di Palamara alla regione Lazio

venerdì 7 giugno 14:47 - di Francesco Storace

Svegliate Zingaretti, che ci mancava pure ‘sta storia della moglie di Luca Palamara. Il Fatto ha sparato in prima pagina l’assunzione della dottoressa Giovanna Remigi, consorte del magistrato, come dirigente esterna della regione Lazio.
E la nostra memoria corre indietro nel tempo.
Perché madame Palamara in regione ci sta dal 2006, quando andò a lavorare con Laziosanità, l’agenzia che controllava la spesa. Governava Piero Marrazzo.
Nel 2013 Zingaretti chiude l’agenzia per internalizzare il personale – ci fu grande battaglia dell’opposizione contro l’operazione –  la Remigi andò a finire nella direzione generale della Salute. Da quella postazione partecipò ad un bando pubblico e nel 2015 diventò dirigente della regione. La nomina venne rinnovata anche l’anno successivo, per poi – nel 2017 – approdare all’agenzia italiana del farmaco.

L’inchiesta Centofanti

I prodigiosi progressi della signora hanno suscitato l’attenzione del Fatto probabilmente perchè nella delicatissima inchiesta su Palamara c’entra anche un personaggio come Fabrizio Centofanti, che certo non è uno sconosciuto per Nicola Zingaretti.
Ovviamente, in queste ore il governatore del Lazio sta cercando di capire come uscire fuori dall’ennesima bufera che rischia di scoppiare sulla regione. Anche perché proprio lo scandalo delle toghe a cui assistiamo con raccapriccio in questi giorni riguarda anche l’ex ministro Luca Lotti, esponente del Pd renziano, e diversi esponenti della sinistra. Ermini, vicepresidente del Csm, è stato costretto a riferire a Mattarella.

Incarichi ben retribuiti

Ecco, da parte di Zingaretti, anche come massimo esponente del Pd, ci si attende una parola di verità e non la solita tiritera su quanto è bello il curriculum della moglie di Palamara. Perché di curriculum in regione Lazio ne arrivano tantissimi e solo alcuni sono i fortunati a poter aggiudicarsi incarichi ben retribuiti.
Chi professa trasparenza per gli altri ha il dovere di praticarla anche per sé, e vogliamo augurarci l’outing di Zingaretti. C’entra o no con le manovre attribuite a Palamara? E’ l’opinione pubblica ad avere il diritto di saperlo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza