Ti scanno come una capra. Poi la minaccia di dargli fuoco: ecco come il figlio terrorizzava l’anziano padre

mercoledì 5 giugno 19:05 - di Redazione

Lo tormentava da tempo, troppopo tempo. Lo terrorizzava e maltrattava con minacce, insulti e percosse: e tutto, sempre, per estorcere denaro al povero padre anziano, oltretutto invalido al 100 per cento, con continue richieste di soldi che gli servivano a comprare alcol e sigarette. Ora l’incubo del genitore vittima del figlio aguzzino e violento, è finalmente finito: i poliziotti del commissariato di Cisterna, a Latina, hanno indagato un 46enne di Velletri per maltrattamenti in famiglia, rapina ed estorsione aggravate e applicato nei suoi confronti la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento al padre ultraottantenne.

Figlio aguzzino terrorizzava e maltrattava l’anaziano padre: arrestato

Ma ce nè e voluta di pazienza per sopportare quell’incubo quotidiano di violenza e paura. «Ti scanno come una capra», gli urlava prima di prenderlo a pugni e a schiaffi per tramortirlo, sedersi sopra di lui e a quel punto perquisirlo a caccia del portafogli. Ora i poliziotti del commissariato di Cisterna, a Latina, hanno messo fine a questo inferno quotidiano indagando un 46enne di Velletri per maltrattamenti in famiglia, rapina ed estorsione aggravate e applicando nei suoi confronti la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento al padre ultraottantenne.

Addirittura minacciò l’uomo di dargli fuoco: cosa che costò al genitore lievi ustioni

Gli agenti hanno scoperto la storia dopo aver notato l’anziano in lacrime una notte in un bar di Cisterna. Dopo aver ottenuto la sua fiducia, sono riusciti a farsi raccontare le angherie e i soprusi quotidiani subiti per colpa di quel figlio «violento e fuori controllo», disoccupato e spesso ubriaco. Recentemente, vistosi negare i soldi pretesi, aveva devastato la casa presentandosi poi con una tanica e un accendino minacciando un incendio parzialmente appiccato e che gli era costato lievi ustioni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza