Siria, ex portiere della nazionale muore in battaglia

sabato 8 giugno 16:47 - di Redazione

È morto a 27 anni a causa delle ferite riportate ieri in battaglia Abdel-Baset al-Sarout, promessa del calcio siriano e portiere della nazionale giovanile che si era unito ai ribelli che combattono il regime di Bashar al-Assad. Lo ha annunciato all’agenzia Dpa Mostafa Maarati, il portavoce di Jaysh al-Izza, il gruppo ribelle affiliato all’Esercito siriano libero (Esl) in cui al-Sarout militava.

L’ex portiere, tra i primi atleti a voltare le spalle al regime quando scoppiò la rivolta nel 2011, è stato colpito nelle campagne della provincia di Hama, nella Siria centrale, durante gli scontri con le forze governative. Maarati ha spiegato che al-Sarout è stato portato in Turchia per sottoporlo a cure, ma è morto all’alba. Al-Sarout era diventato famoso per alcune canzoni anti-regime intonate durante le manifestazioni antigovernative a Homs, la sua città natale. Quando le proteste si tramutarono in un conflitto, l’ex promessa del calcio siriano non aveva esitato a unirsi ai ribelli diventando anche un comandante. Nella guerra in Siria, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, aveva già perso quattro fratelli e il padre. In diverse occasioni egli stesso era stato ferito.

Abdel Basset Sarout era stato il portiere dell’Al-Karamah, la squadra di Homs vincitrice di 8 scudetti (gli ultimi nel 2008 e nel 2009) nella serie A siriana. In un video, Sarout aveva raccontato di esser stato nominato secondo miglior giovane portiere d’Asia. Una promessa del calcio giovanile, tanto da essere stato tiolare della nazionale di calcio siriana Under-20. Per molti osservatori veniva considerato come probabile successore di Mosab Balhous, suo compagno di squadra nell’Al-Karamah, portiere simbolo del calcio siriano. Balhous con oltre cento presenze è considerato un vero e proprio monumento del calcio siriano. Sarout poteva forse avere la stessa sorte, ma la sua vita ha preso un’altra traiettoria. Fatale.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi