Sea Watch, la “capitana” cerca guai (e celebrità): «Forzerò il blocco»

mercoledì 26 Giugno 13:25 - di Carmine Crocco

Sea Watch, la “capitana Carola” cerca guai (e celebrità) . Vuole infatti forzare il blocco ed entrare nel porto di Lampedusa nonostante i due schiaffi rimediati negli ultimi giorni Il primo è stato il respingimento da parte del Tar del ricorso contro il divieto di ingresso nelle acque territoriali italiane. Il secondo è arrivato ieri con la bocciatura da parte della Corte di Strasburgo del ricorso contro la conferma del divieto. La “capitana” non  sete ragioni è ha deciso di sfidare il Viminale: “Forzerò il blocco a costo di perdere la nave”. Si dà infati il caso che, con il decreto Sicurezza Bis , scatta immediatamente la confisca dell’imbarcazione e una multa salata per la ong. Di qui la contromossa di avviare una raccolta fondi per fare fronte all’eventuale sanzione:  “Se il nostro capitano Carola segue la legge del mare, che le chiede di portare le persone soccorse sulla SeaWatch3 in un porto sicuro, potrebbe affrontare pesanti sentenze in Italia. Aiutate Carola a difendere i diritti umani, donate per la sua difesa legale”. S’avvicina l’ora dell'”ordalia” tra la “capitana” e lo Stato italiano. A rimetterci sarà sicuramente la ong, ma la “capitana” riceverà gli applausi da tutta l’internazionale buonista ed entrerà nel firmamento del cosmopolitismo umanitario. Dove finisce l’ostinazione comincia la vanità.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *