Sea Watch, esposto in Procura di Fdi: sequestrare gli aerei che aiutano le Ong

giovedì 27 giugno 18:48 - di Redazione
L'aereo Moonbird della Ong tedesca Sea Watch

Un esposto per denunciare il caso degli aerei che segnalerebbero alle Ong – e non alle autorità – la presenza dei barconi in mare, dopo l’inchiesta pubblicata dal Giornale. Lo hanno presentato questa mattina presso la Procura di Roma, Andrea Delmastro delle Vedove, capogruppo Fdi in Commissione Esteri e Giovanni Donzelli, Responsabile organizzazione di Fdi.

Nell’esposto i due parlamentari di Fratelli d’Italia chiedono all’autorità giudiziaria anche il sequestro dei velivoli: «Esisterebbe documentazione attestante 78 missioni dei veicoli “Colibrì” e “Moonbird” nel periodo intercorrente tra gennaio 2019 e giugno 2019 – si legge nell’esposto presentato dai due esponenti di Fdi in riferimento all’articolo, a firma di Fausto Biloslavo – e i predetti aerei, sebbene di proprietà di altre Onlus, sarebbero a bilancio della Sea Watch».

«In particolar modo il servizio precisa che i veicoli sorvolano la Sar di competenza libica per poi inviare le coordinate alle navi delle ong e segnatamente alla Sea Watch 3. Abbiamo denunciato gli aerei delle ong che sorvolano il Mediterraneo e comunicano le coordinate non alle Autorità italiane o libiche ma alle stesse ong – spiegano i due esponenti di Fdi – favorendo così l’immigrazione clandestina. Questo crea anche un grave danno nella lotta agli scafisti. Con il nostro esposto chiediamo alla magistratura di fare le opportune verifiche su questo sistema criminale e che vengano sequestrati immediatamente questi aerei. Si tratta a nostro parere di un’associazione a delinquere. E, come tale deve essere trattata. Su questa vicenda, per la quale abbiamo presentato una interrogazione parlamentare al governo, stride il silenzio del ministro della Difesa, Elisabetta Trenta».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi