‘Ndrangheta, retata in Emilia Romagna: sgominata la rete della famiglia dei Grande Aracri

martedì 25 giugno 11:56 - di Redazione

Colpo alla ‘ndrangheta in Emilia Romagna. La polizia di Stato di Bologna, in collaborazione con quella di Parma, Reggio Emilia, Piacenza e con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo, sta eseguendo una vasta operazione nei confronti del sodalizio ‘ndranghetistico operante in Emilia, storicamente legato alla nota famiglia mafiosa dei Grande Aracri, di Cutro, in provincia di Crotone.

I provvedimenti, emessi dal Gip presso il Tribunale di Bologna su richiesta della Dda sono eseguiti dai poliziotti della squadra mobile di Bologna in collaborazione con quelle di Parma, Reggio Emilia e Piacenza in varie province dell’Emilia Romagna.
Tra i destinatari dei provvedimenti restrittivi eseguiti dalla polizia di Stato figura Giuseppe Caruso, attuale presidente del Consiglio Comunale di Piacenza, ritenuto appartenente al gruppo mafioso capeggiato dagli altri. Altri destinatari del provvedimento sono elementi di primo piano del’organizzazione ‘ndranghetista emiliana, tra i quali Salvatore Grande Aracri, Francesco Grande Aracri e Paolo Grande Aracri, ritenuti ai vertici del clan operante nelle Province di Reggio Emilia Parma e Piacenza.

Nell’ambito della stessa operazione è in corso di esecuzione un decreto di sequestro preventivo di beni emesso dalla Dda di Bologna nei confronti dei principali appartenenti al gruppo criminale riguardante società, beni mobili ed immobili, conti correnti. Sono in corso di esecuzione, in varie città d’Italia, anche 100 perquisizioni nei confronti di coloro che pur non essendo direttamente destinatari del provvedimento restrittivo emesso dall’Autorità Giudiziaria di Bologna sono risultati, nel corso dell’indagine, collegati al gruppo ‘ndranghetistico operante in Emilia Romagna.

I destinatari del provvedimento restrittivo sono accusati a vario titolo di associazione di tipo mafioso estorsione, tentata estorsione, trasferimento fraudolento di valori, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, danneggiamento, truffa aggravata dalle finalità mafiose. L’operazione, denominata Grimilde, ha impiegato circa 300 tra donne e uomini della Polizia di Stato appartenenti a tutti gli Uffici investigativi dell’Emilia Romagna, al Reparto Mobile di Bologna, al Reparto volo Emilia Romagna, al Reparto Prevenzione Crimine Emilia Romagna, alle Unità Cinofile della Polizia di Stato.

Commenta l’operazione, il ministro dell’Interno, Matteo Salvini: «Grazie alle forze dell’ordine e in particolare al Servizio centrale operativo della polizia di Stato, alla squadra mobile di Bologna e agli inquirenti – afferma Salvini – nessuna tregua e nessuna tolleranza per i boss. Avanti tutta contro i clan».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sergio 26 giugno 2019

    Per fornire un’informazione trasparente, avreste dovuto specificare che Giuseppe Caruso è un esponente di FDI.

    • Francesco Storace 5 luglio 2019

      c’è un pezzo a parte che lo scrive e dà notizia che la Meloni lo ha sospeso con effetto immediato

    In evidenza