Meloni bacchetta Berlusconi e chiama Toti: “Condivido molte sue idee sul centrodestra”

venerdì 14 giugno 9:39 - di Redazione

«Alle Europee abbiamo dimostrato con i nostri voti che, assieme alla Lega, siamo in grado di dare un governo stabile, con una linea chiara e condivisa, al Paese. E che gli italiani ci stanno chiedendo di farlo». Lo dice Giorgia Meloni, al Corriere della sera. «Penso che prima di parlare degli assetti della coalizione, Forza Italia debba chiarire la sua collocazione. Non faccio il buttafuori o il buttadentro dell’alleanza, ma chiedo chiarezza -spiega la presidente di FdI parlando del centrodestra-. Sto andando a Napoli dove incontrerò gli altri leader del mio gruppo in Europa, i Conservatori europei. Dall’altra parte vedo che il Ppe ipotizza di stare in una santa alleanza che va dai Verdi al Pse a Macron. Ma come, Berlusconi non aveva detto che non avrebbe fatto patti col Pse? Allora
esca dal Ppe. Allo stesso tempo serve una parola ferma in chiave interna: io e Salvini abbiamo detto che, se cade il governo, c’è solo il voto. Berlusconi non mi sembra abbia escluso anche altre ipotesi».

Parlando di Toti, la Meloni dice: «Stimo Giovanni e condivido molte delle cose che dice, vorrei ribadire che il mio partito si sta muovendo da tempo sulla strada dell’allargamento e dell’apertura a mondi civici, politici, sociali non tradizionali della destra. Il nostro appello è già stato raccolto, dagli elettori e da tante personalità che continuano ad avvicinarsi anche a noi in queste ore».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sandro Cecconi 14 giugno 2019

    La signora Meloni ha colto ancora nel segno. Esiste ancora qualcuno che vorrebbe tenere il piede in tre scarpe. Purtroppo per questo qualcuno, ma per nostra fortuna, non gli è più consentito. Pertanto se ne faccia una ragione e scelga ulteriori chiacchiere e barzellette uscendo definitivamente dall’ipocrisia e dalle falsità.

  • In evidenza

    contatore di accessi