L’Anpi denuncia in procura CasaPound e Forza Nuova: scioglimento subito

martedì 25 giugno 16:01 - di Redazione

L’Anpi nazionale ha presentato al Procuratore di Roma formale denuncia “contro le organizzazioni neofasciste, in particolare Forza Nuova e CasaPound, per i numerosi atti di intimidazione, violenza e apologia di fascismo da queste commessi ripetutamente negli ultimi tempi”.

Nella denuncia si chiede, inoltre, “di procedere al sequestro della sede di CasaPound, a Roma, occupata abusivamente”. ”La nostra Associazione – commenta Emilio Ricci, legale e Vice Presidente nazionale Anpi – ha ritenuto urgente avviare un’operazione penale perché non sono più tollerabili la presenza e l’attività criminosa di questi gruppi che si pongono in palese contrasto con la Costituzione della Repubblica e con le leggi vigenti in materia di apologia di fascismo, la Scelba e la Mancino. Auspichiamo che si arrivi il prima possibile a sentenze che consentano alle autorità competenti di sciogliere finalmente CasaPound, Forza nuova e le altre organizzazioni affini” .

La proposta di scioglimento era stata rilanciata dall’Anpi dopo l’aggressione a Roma di due ragazzi che indossavano la maglia del Cinema America. Al coro antifascista si era unito lo scrittore Roberto Saviano e anche Michele Serra che, in un editoriale su Repubblica, aveva con queste parole sollecitato l’azione della magistratura: “In un Paese che si è dotato, a più riprese, degli strumenti dell’antifascismo formale, l’azione giudiziaria, al netto delle opinioni, dovrebbe essere, sulla carta, semplicemente dovuta: la richiesta dell’Anpi vale come qualunque altra richiesta di rispetto della legalità”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Australis 26 giugno 2019

    Anche l’anpi deve essere sciolta non ha senso di esistere senza + partigiani…..

  • Giuseppe La Porta 26 giugno 2019

    L’unica associazione privata con fini pseudopolitici che semina odio e divisione tra gli italiani è l’Anpi che dovrebbe essere sciolta d’autorità . Gravissimo che prenda finanziamenti pubblici un associazione che fa dell’odio e del rancore la propria prassi d’azione politica . Scioglimento subito .

  • Guido Gaggioli 25 giugno 2019

    Io sceglierei l’ampi’ A cosa serve dopo 74anni?. Abbiamo forse un’associazione
    di Garibaldini? I membri dell’ampi non sono partigiani(sono tutti ormai morti)
    Al massimo sono figli e nipoti. Sono tutti politicizzati all’estrema sinistra.
    Che si facciano un partito e buona notte.

  • In evidenza