La Raggi travolta dagli insulti: «Sei felice per i Giochi a Milano? Meglio se taci»

martedì 25 giugno 12:16 - di Romana Fabiani

Un bel tacer non fu mai scritto. Virginia Raggi, però, non lo sa e scrive, commenta, spalanca gli occhioni davanti alle telecamere, straparla. Anche ieri,  alla notizia della vittoria dell’Italia che batte la Svezia e ospiterà a Milano e Cortina le Olimpiadi invernali del 2026, la sindaca di Roma si lancia in un tweet boomerang. Invece di starsene in silenzio o fare mea culpa per il suo orgoglioso no nel 2016 ai giochi olimpici nella Capitale, si mette ad applaudire baldanzosa: «Le Olimpiadi invernali 2026 si faranno in Italia. Complimenti a tutti coloro che hanno lavorato per questo risultato. Congratulazioni ai colleghi sindaci Sala e Ghedina», scrive su Twitter dimenticandosi che tre anni fa, con un altro tweet, esultava  per aver vinto la sua battaglia contro il mattone privando Roma di un’occasione storica.

Il web si scatena contro la Raggi

“Fai pace con il cervello” è uno dei commenti più educati. Ma non si vergogna? Ma chi la consiglia? Nel 2016 si scagliava lancia in resta contro le Olimpiadi costringendo il Comitato promotore guidato da Giovanni Malagò a interrompere l’iter per la candidatura di Roma ai Giochi del 2024. E oggi vorrebbe accodarsi ai vincitori per la straordinaria impresa. Ma i  romani, già vittime di un degrado storico che ha superato la decenza, non gli perdonano la furbata. “Dovresti chiedere scusa ai romani”, “sei un incapace”, “è solo una scema”, “perché ha mai avuto un cervello ???” “È bipolare, togliamogli Roma”, “toglietegli il vino”, “Insomma solo a Roma non si potevano fare le Olimpiadi?”. E giù insulti virali in un tam tam di commenti velenosi.

Il sindaco di Milano: Roma ha sbagliato tutto

Se la rete si scatena anche i politici non glissano. Salvini le dà una stoccata a caldo: «Vincono l’Italia, il futuro e lo sport. Mi dispiace per chi si è tirato indietro, avremmo avuto tutto l’arco alpino», commenta sparando in un colpo solo contro la Raggi e la sindaca di Torino, Chiara Appendino, sua degna compare. Nemmeno Beppe Sala si fa abbagliare dalle goffe congratulazioni di Virginia :«E pensare che tre anni fa poteva essere lei, insieme alla Capitale, a festeggiare per i Giochi estivi. Roma ha sbagliato a ritirarsi dalle Olimpiadi.», dice il primo cittadino di Milano. Non è più tenero  Malagò che da Losanna, emozionato e raggiante per il verdetto, si leva una “piccola” soddisfazione: «La Raggi non mi ha dato fiducia, Sala, Ghedina e Zaia invece sì, questa è la verità. Le ferite sono perfettamente cicatrizzate ma si vedono ancora perché Roma è la mia città».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza