La Lega sfida la Merkel: «Pronti a chiudere gli aeroporti per impedire i rimpatri di migranti»

martedì 18 Giugno 12:58 - di Redazione

«Attraverso il decreto sicurezza abbiamo finalmente la possibilità di bloccare le Ong. Oggi il numero degli sbarchi è diminuito, però il decreto sicurezza bis va nella direzione di limitare ulteriormente questo traffico di esseri umani». Il prossimo passo, secondo la deputata leghista Simona Bordonali, intervistata da Radio Cusano Campus, è quello di respingere anche per via aerea i rimpatri di migranti che dalla Germania, per effetto degli accordi di Dublino, vengono rispediti in Italia, come emerso nei giorni scorsi. Come scritto nei giorni scorsi su Repubblica, le richieste di rimandare indietro profughi in Italia sono in crescita. Nel primo trimestre del 2019 sono state ben 4.602, un boom del 50% rispetto al trimestre precedente.
«È una situazione assolutamente vergognosa, sia per come sono state rimpatriate queste persone senza avvisare l’Italia e sia per come queste persone sono state trattate. Salvini l’ha già detto, siamo pronti a chiudere anche gli aeroporti. La situazione va verificata nel dettaglio.  all’inchiesta giornalistica sembrava che altri 40 migranti fossero pronti ad essere mandati in Italia, ma la notizia è stata smentita dal ministro tedesco».

Ecco che dopo aver chiuso i porti alle ong il governo, nella sua componente leghista, starebbe valutando l’ipotesi di chiudere anche gli aeroporti ai voli che la Germania ci manda per scaricarci gli stranieri che hanno presentato la domanda di protezione internazionale nel nostro Paese. «Adesso – avverte la deputata Simona Bordonali a Radio Cusano Campus – abbiamo una nutrita compagine a livello europeo e faremo sentire ancora di più la nostra voce», ha ricordato la deputata leghista ricordando la necessità di rivedere il Trattato di Dublino.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • PIERO VOLPIANO 19 Giugno 2019

    Anziché dire stupidaggini Salvini dovrebbe partecipare agli incontri nelle istituzioni europee per riformare gli accordi di Dublino.

  • Cecconi 18 Giugno 2019

    Chiacchiere da bar dello sport di infima categoria.