Il Pd finanzia (con i soldi pubblici) lezioni di arabo alle elementari. Genitori infuriati

venerdì 7 giugno 11:28 - di Renato Fratello

Lezione di arabo in una scuola elementare di Cernusco sul Naviglio. Ed è scontro. Il caso è scoppiato, come si legge sul Giorno, per una lezione pagata con i fondi gestiti dal Comune a trazione Pd e affidata a un insegnante madrelingua. Ufficialmente la lezione di arabo aveva scopo di aiutare una piccola di origini egiziane. «Qui non sono gli arabi che imparano l’italiano, ma il contrario: è un mondo che va alla rovescia», ha detto  la consigliera della Lega Paola Malcangio. Per il municipio la spesa si aggira – per quattro ore di impegno – intorno ai 120 euro. «Un intervento che non rientra nei casi di mediazione culturale, cui sono destinati i soldi pubblici, è urgente una spiegazione – ha insistito l’esponente del Carroccio – Il denaro serve ad aiutare chi arriva a integrarsi e a sostenere ragazzini che hanno forti difficoltà linguistiche. Questa operazione improvvisata non rientra in nessuno dei due casi, la piccola di origini egiziane per cui è stata organizzata è nata qui e parla benissimo italiano».

Lezione di arabo a scuola, la protesta dei genitori

Imbufaliti i genitori degli alunni della scuola. Tutto è partito dalla segnalazione di alcuni genitori dopo che una bambina di seconda classe ha raccontato di aver imparato a scrivere il suo nome in arabo. «Volevano capire il fondamento della scelta dell’istituto Montalcini», ha spiegato Malcangio al Giorno. «Sono stati spesi i soldi del Distretto didattico, destinati a più Comuni, utilizzati per un’azione fra l’altro discriminatoria. In città esistono altre comunità numerose, i cinesi per esempio. Perché non fare una lezione sugli ideogrammi?».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • carla 8 giugno 2019

    Vogliono integrare i nostri ragazzi….ma non e’ meglio far dare lezioni di italiano a i ragazzi che si devono integrare con loro?

  • eddie.adofol 8 giugno 2019

    Mettere al bando il partito democratico che è contro l’Italia e gli Italiani queste zecche rosse devono andare tutti in galera e marcire x il male fatto e, stanno ancora facendo al nostro Meraviglioso Paese, questi ci vogliono far diventare tutti meticci e bastardi come loro, la nostra Etnia(razza) Italiana non potrà dissolversi x queste quattro scimunite zecche rosse, perciò se queste zecche rosse vorranno la guerra civile sappiano che i veri ITALIANI VERACI sono pronti a tutto, se alle zecche rosse piace tanto la minghia dei neri africani, devono cambiare loro domicilio ed andare a vivere nella loro amata africa. BRUTTI TRADITORI DEL pd e,DELLA PATRIA IL MILITE IGNOTO NON E’ MORTO INVANO X DIFENDERE LA NOSTRA AMATA PATRIA.

  • Giuseppe Forconi 8 giugno 2019

    Altro che il mondo va alla rovescia, qui’ e’ tutta l’Italia che va alla rovescia o forse quel maledetto 29 % di ignoranti comunisti che continuano a fare danni. Non solo si sta cercando di evitare la islamizzazione del Paese ma la stiamo preparando a riceverla con tutti gli onori. E’ mai possibile che le scuole soni libere di fare e decidere a loro modo o esiste un ministero che dovrebbe controllare? Cari italiani (a quei pochi rimasti ) se non vi togliete di mezzo le sinistre, verrete schiacciati dalla melma piu’ puzzolente, gia’ sapete quale. Auguri.

  • In evidenza