Il fratello di Angelo Vassallo, il sindaco-pescatore, rinnega il Pd: «Togliete il suo nome dai circoli»

giovedì 27 giugno 11:16 - di Redazione

Rimuovere il nome di Angelo Vassallo dai circoli del Partito democratico a lui intitolati. A chiederlo è Dario Vassallo, presidente della Fondazione Angelo Vassallo e fratello del sindaco “pescatore” di Pollica (Salerno) ucciso il 5 settembre 2010 in circostanze ancora non chiarite. In una dura lettera indirizzata al Pd nazionale, alla Segreteria regionale del Pd Campania e alle segreterie provinciali della regione, Dario Vassallo si dice pronto a dare mandato ai propri legali se l’invito non verrà accolto e spiega che la decisione è stata presa “considerando il comportamento avuto dal Partito democratico in Campania durante questi anni”, in particolare la “vergognosa protezione che avete accordato a Franco Alfieri, colui che non ha visto, non ha sentito e non ha parlato delle strade fantasma”.
Il riferimento è alle denunce di Angelo Vassallo tra il 2008 e il 2009 in merito alla realizzazione della strada Celso di Pollica-Casal Velino e all’allora assessore ai Lavori pubblici della Provincia di Salerno Franco Alfieri, oggi sindaco di Capaccio Paestum (Salerno), già capo della segreteria del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e noto per la battuta dello stesso De Luca sulle “fritture di pesce” da offrire agli elettori in cambio del sì al referendum costituzionale del 2016. «La storia di Angelo non vi appartiene – scrive ancora Dario Vassallo – e la vostra assenza significa complicità. La mia richiesta non ha bisogno di altra motivazione e, se non ottemperate a questo nostro invito entro 30 giorni, darò mandato ai nostri legali», conclude la lettera.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi