Il giudice si scorda: Graziano Mesina esce dal carcere per “decorrenza dei termini”

venerdì 7 giugno 17:25 - di Redazione

Graziano Mesina, protagonista del banditismo sardo del Novecento, è tornato oggi in libertà per scadenza dei termini. Mesina era rinchiuso nel carcere nuorese di Bad e Carros. A quanto si apprende, Mesina, arrestato sei anni fa e condannato l’anno scorso a 30 anni di reclusione per traffico internazionale di droga, è stato scarcerato perché le motivazioni della sentenza d’appello del tribunale di Cagliari non sono state ancora depositate, e quindi, come hanno notato gli avvocati Goddi e Vernier, le misure cautelari sono decadute. I giudici del tribunale di Cagliari avevano addirittura revocato la grazia data a Mesina dall’allora presidente Ciampi all’inizio degli anni Duemila, ma non sono riusciti a depositare le motivazioni della sentenza. Mesina è nato a Orgosolo nel 1942 e ha compiuto moltissimi reati legati al banditismo sardo nonché innumerevoli evasioni, una delle quali. clamorosa, proprio dal carcere nuorese da cui oggi è uscito da uomo libero. Va detto che Mesina, dopo la grazia, ha sostenuto di non aver mai più commesso reati e di essersi adattato a fare diversi lavoretti di vario genere, e comunque di essere innocente dei reati per i quali è stato poi condannato dal tribunale di Cagliari.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza