«Fascisti carogne, tornate nelle fogne»: lo “Stato sociale” torna agli anni ’70 (video)

mercoledì 12 giugno 11:39 - di Giovanna Taormina

Utilizzano pressapoco uno slogan degli anni ’70. «Le pratiche squadriste e fasciste devono restare lì dove le abbiamo cacciate: nelle fogne». Lo Stato Sociale – notoriamente di quella sinistra che più sinistra non si può – torna a usare un linguaggio sopra le righe. L’obiettivo è colpire Matteo Salvini. In un post pubblicato su Instagram la band interviene sull’episodio avvenuto a Cremona durante un comizio del leader della Lega. Un ragazzo avrebbe alzato tra la folla un cartello con la scritta “Ama il prossimo tuo” e il gesto è stato interpretato come una contestazione al leader leghista. I supporter di Salvini lo hanno quindi allontanato e gli hanno dato uno schiaffo sulla nuca. Ma l’episodio è stato ingigantito a dismisura dalla sinistra. E Lo Stato Sociale ha lanciato scritto: «Usiamo l’immagine di un amico per esprimere solidarietà e sgomento verso quanto accaduto a Cremona. Episodi del genere sono inaccettabili sotto ogni punto di vista ed è spaventoso si ripetano con sempre maggiore frequenza. Sarebbe bello che, non solo la società civile, ma anche le istituzioni e i rappresentanti politici cominciassero a mettere paletti e a contrastare la deriva violenta e autoritaria del ministro Salvini. Le pratiche squadriste e fasciste devono restare lì dove le abbiamo cacciate: nelle fogne».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza