Confintesa: salario minimo legale e rappresentatività, due facce della stessa medaglia

giovedì 20 Giugno 16:15 - di Redazione

“Una legge che istituisca il salario minimo legale è ormai diventata un’urgenza sociale anche alla luce dell’aumento dei contratti a tempo indeterminato che, in alcuni casi, applicano salari derivanti da accordi contrattuali cosiddetti dumping e quindi molto al di sotto delle nove euro l’ora”. Lo afferma il segretario generale di Confintesa, Francesco Prudenzano.

“In presenza di questo fenomeno dei contratti dumping è necessario che, accanto alla legge sul salario minimo legale, il governo si occupi anche di regolamentare i criteri per la rappresentanza dei sindacati dei lavoratori e delle imprese dando così seguito all’articolo 39 della Costituzione che prevede una legge che stabilisca criteri uguali per tutti per il riconoscimento della rappresentatività. Ad oggi – continua Prudenzano – sono 868 i contratti registrati al Cnel ma molti di questi sono i cosiddetti contratti di comodo che stabiliscono salari irrisori”.

La legge sulla rappresentatività e quella sul salario minimo legale “oltre a mettere ordine nei contratti da poter riconoscere come applicabili, riducendoli drasticamente, metterebbe tutte le sigle sindacali sul nastro di partenza in condizioni di parità mettendo fine a quella che viene definita rappresentatività comparata che allo stato attuale rimane uno strumento zoppo perché non si capisce quali sono i criteri comparativi in base ai quali riconoscere quale è il sindacato o la parte datoriale che può firmare i contratti di lavoro. Questo ovviamente vale solo per il settore privato visto che nel pubblico impiego il problema è stato risolto e la misurazione della rappresentatività, nei vari comparti, viene effettuata ogni tre anni con criteri condivisi da tutte le organizzazioni sindacali. Il governo – conclude Prudenzano – faccia presto a risolvere questo problema prima che la giungla contrattuale diventi sempre più fitta e sempre più penalizzante per la dignità dei lavoratori e, invece, lasci agli stessi la decisione finale sul chi deve rappresentarli”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *