Concorsi truccati in tutta Italia. Sospeso dalla cattedra il Rettore di Catania

venerdì 28 giugno 10:28 - di Redazione

Ormai non si salva più nulla in questo Paese. I nostri giovani vanno all’università, partecipano ai concorsi, ma sono truccati. E stavolta le indagini ci vanno con la mano pesante.

La Procura Distrettuale della Repubblica di Catania ha delegato alla Polizia di Stato l’esecuzione di un’ordinanza applicativa della misura interdittiva della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio, emessa lo scorso  18 giugno 2019 dal gip del Tribunale di Catania, a carico del Rettore dell’Università di Catania e di ulteriori nove docenti (con posizioni apicali all’interno dei Dipartimenti) ritenuti a vario titolo responsabili dei delitti di associazione a delinquere, corruzione, turbativa d’asta e altro.

Sono anche in corso 41 perquisizioni nei confronti di ulteriori indagati. Nel procedimento sono complessivamente iscritti 40 professori delle Università di Bologna, Cagliari, Catania, Catanzaro, Chieti-Pescara, Firenze, Messina, Milano, Napoli, Padova, Roma, Trieste, Venezia e Verona.

L’operazione della D.I.G.O.S., denominata “Università Bandita”, ha consentito di accertare l’esistenza di 27 concorsi truccati: 17 per professore ordinario, 4 per professore associato, 6per ricercatore.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza