Cinema America, si indaga su una lista di nomi sospetti. Quattro identificati

martedì 18 Giugno 18:53 - di Redazione

Una delle vittime dell’aggressione avvenuta sabato notte a Trastevere, David Habib, si recherà a sporgere denuncia non appena sarà dimesso dall’ospedale dove è stato operato per una frattura al setto nasale. “Lo farò – ha scritto su Fb – indossando la maglietta del cinema America”. L’altra vittima, Valerio Colantoni, ferito al sopracciglio da una bottigliata, ha già denunciato e ha fornito una descrizione degli aggressori.

Le indagini vanno avanti, dunque, per lesioni aggravate. Sono state visionate, racconta il Messaggero, una serie di foto segnaletiche, relative a personaggi che gravitano a Piazza Cavour. Quattro di loro sono già stati identificati. Acquisite anche le immagini delle telecamere di sorveglianza: in un video si vede che i due gruppi sono intenti a parlare quando improvvisamente una persona afferra alle spalle Habib e lo colpisce con una testata.

Oggi intanto nell’aula Giulio Cesare in Campidoglio i consiglieri del Pd hanno indossato per solidarietà la t-shirt del Cinema America, la maglietta che avrebbe scatenato la violenza degli aggressori. In numerose dichiarazioni sull’episodio la sinistra tira in ballo il ministro degli Interni Matteo Salvini, chiedendogli di assumere sulla vicenda una posizione chiara. Pur trovandosi a Washington, Salvini non si è tirato indietro: «Noi combattiamo contro ogni genere di violenza, che siano comunisti, fascisti, allo stadio…Del resto io faccio il ministro che reprime la violenza, anche se hanno provato a darmi la colpa anche di questo episodio. Ma lasciano perdere, meno male che ero in volo così non mi sono innervosito…».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *