Vuole accedere ai binari senza biglietto e aggredisce un agente che lo ferma: è un nigeriano

domenica 26 Maggio 18:15 - di Redazione
milano stazione

Stavolta lo straniero minaccioso è andato dritto alla meta, minacciando direttamente un agente in Stazione Centrale a Milano nel tentativo di sottrargli la pistola d’ordinanza. Ora l’uomo, un immigrato nigeriano 29enne, è in stato di fermo con l’accusa di aggressione a pubblico ufficiale.

Nigeriano con regolare permesso aggredisce un agente che lo ferma in stazione e prova a rubargli la pistola

Dell’episodio accaduto poco fa, ha dato conto il sito di Milano Today, tempestivamente ripreso da quello de Il Giornale, che nel ricostruire la dinamica della vicenda, spiegano che tutto «è avvenuto venerdì 24 maggio nella Stazione Centrale di Milano. Un uomo di 29 anni, nigeriano con regolare permesso di soggiorno nel nostro Paese, ha provato in ogni modo a varcare il gate di ingresso che porta ai binari», un’area accessibile solo a chi munito di regolare biglietto e di cui naturalmente il nigeriano 29enne era sprovvisto. Ma pur essendo privo di titolo di viaggio, lo straniero era intenzionato ad accedere ai binari varcando la soglia che gli era stata inibita forzando il blocco. A quel punto gli agenti in servizio in stazione, attirati dalla confusione che si stava generando a poca distanza da loro tra l’uomo e il personale ferroviario, hanno pensato di intervenire, quando, come riporta il sito del quotidiano milanese diretto da Sallusti, l’uomo vedendo arrivare le forze dell’ordine ha avuto una reazione inconsulta e la situazione è peggiorata. Tanto che il nigeriano, all’improvviso ha sferrato un pugno a uno dei poliziotti intervenuti cercando poi subito dopo di rubargli la pistola di servizio. Fortunatamente gli agenti sono riusciti, anche se non senza difficoltà, a immobilizzare l’uomo e ad ammanettarlo. Una volta neutralizzata la minaccia, quindi, il nigeriano è stato trasferito in carcere in attesa di giudizio: a questo punto dovrà rispondere di diversi capi d’imputazione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica