“Sto imparando a sperare e a pesare anche i silenzi”: il papà di Noemi è fiducioso e lei ce la mette tutta. È stabile

martedì 7 maggio 10:24 - di Greta Paolucci

Matteo Salvini nella serata di ieri ha deviatoi il tragitto della campagna elettorale che lo ha portato a sfiorare le tappe di Pietrelcina, Avellino, Salerno e Aversa per fare visita alla piccola Noemi, ferita nei giorni scorsi nella sparatoria di Piazza Nazionale a Napoli. Sguardo basso intercettato solo da qualche scatto rubato all’ingresso dell’ospedale Santobono dove la bambina è ricoverata, il ministro si è intrattenuto con i familiari della bimba e dopo mezz’ora è uscito dal nosocomio senza concedere sguardi o rilasciare dichiarazioni a nessuno. Anche il papà della piccola guerriera in lotta per spravvivere parla poco e pesa ogni parola che dice: e mentre con la mente e il cuore si lascia andare alla speranza di ricominciare da capo altrove lasciando, non senza dolore Napoli – «fa rabbia, è doloroso, ma io ci sto pensando», confessa il genitore a Repubblica – con la ragione a cui cerca disperatamente di fare appello sempre al quotidiano diretto da Carlo Verdelli aggiunge anche: «Ma c’è un tempo per tutte le cose, mi creda… Sto imparando a pesare anche i silenzi della Rianimazione, a sperare nella piccola …

Noemi ferita durante un regolamento di conti, condizioni stazionarie: sta lottando per farcela…

Intanto, dall’ultimo bollettino sanitario diramato dall’ospedale napoletano, dai siti online del Messaggero e del Mattino, tra gli altri, si apprende che «rimane stazionaria e grave la situazione della bimba rimasta ferita nell’agguato di venerdì a Napoli, ma gli ultimi esami confermano una stabilità delle condizioni generali rispetto alla crisi registrata nelle prime ore che faceva temere un veloce e fatale peggioramento. La prognosi resta riservata, Noemi è in coma farmacologico e collegata a un ventilatore meccanico per il persistere dell’insufficienza respiratoria dopo che il proiettile le ha trapassato entrambi i polmoni». E ancora, si apprende sempre leggendo il bollettino sanitario diramato dal Santobono «la bambina è strettamente monitorata nei parametri vitali. Sono stati effettuati esami ematochimici e strumentali che hanno evidenziato la stabilità emodinamica della paziente. Nelle ultime 48 ore non vi sono stati episodi di desaturazione e ipotensione che si erano presentati durante l’intervento e nelle prime 24 ore. Successivamente all’intervento chirurgico effettuato nella notte di venerdì non è stato necessario effettuare ulteriori trasfusioni».

Salvini fa visita a Noemi: «Se gli investimenti fossero adeguati questi fatti non si verificherebbero»

Dunque la piccola Noemi resta aggrappata con tutta la forza che ha alla vita, coinvolta per un maledetto caso, a soli 4 anni, in un sanguinario regolamento di conti e pur lasciando sperare la stazionarietà della situazione, confermando una stabilità importante delle condizioni generali rispetto alla crisi registrata nelle prime 24 ore del ricovero e dell’intervento chirurgico, la sua lotta per la sopravvivenza resta difficile: entrambi i polmoni della piccola sono perforati e, come se già non bastasse, quella ricucita a fatica sul suo corpicino è stata definita dal primario di chirurgia pediatrica dell’ospedale Santobono Giovanni Gaglione, «una ferita da guerra». Una lacerazione che ha richiesto un intervento di sutura dopo l’estrazione del proiettile calibro 9 tipo “full metal jacket”, di quelli in cui «il piombo interno è rivestito da un metallo più duro». Dunque, la prognosi continua a rimanere riservata,e nel frattempo le forze dell’ordine lavorano per assicurare alla giustizia l’uomo che ha fatto fuoco venerdì in piazza. «Spero che arrestino presto quel delinquente che ha sparato a una bambina di 4 anni», continua a ripetere il ministro dell’Interno Matteo Salvini anche nello sguardo che ha fisso ij volto quando esce dall’ospedale dove ha fatto visita a Noemi. «Se gli investimenti fossero adeguati, ha poi aggiunto il vicepremier del Carroccio anche nelle scorse ore, questi fatti non si verificherebbero»…

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi