Spostare l’attenzione. La strategia di Fabio Fazio per salvare il portafoglio

martedì 14 maggio 13:25 - di Mario Aldo Stilton

Spostare l’attenzione per salvare il portafoglio. Fabio Fazio, in media, ottiene meno del 15 per cento di share sulla rete ammiraglia della Rai. Risultato più che deludente. Tuttavia, per la sua trasmissione percepisce uno stipendio dieci volte superiore a quello del Presidente della Repubblica e, giusto per capire, duecento volte (200!) superiore a quello di un primario cardiologo che tutti giorni salva più vite. Eppure il fatto non mena scandalo. La sproporzione non infastidisce nessun erudito pensatore. Che, al contrario, accorre subito in difesa di Fazio quando piagnucola il taglio di tre puntate. Nella realtà, la direzione di Rai1 ha precisato che le puntate da cancellare sarebbero state due (la terza, che lui voleva recuperare, era quella del 22 aprile saltata per la Pasquetta) ed entrambe a causa delle elezioni europee. Un fatto normale in circostanze analoghe, ma tant’è. Siccome i panni della vittima sono sempre i piu comodi da indossare, ecco la pubblica lamentela. Ed ecco, immediata, la tambureggiante solidarietà. Non dal pensionato, dall’operaio, dall’impiegato, dal commerciante, dall’insegnante, dal medico e, men che meno, dal cassintegrato o dallo studente. Ma da tutto il cucuzzaro progressista. Tutti insieme appassionatamente a difesa del “povero” Fabiolo e della libertà minacciata dalla Rai gialloverde: pagine di giornale, servizi televisivi, dichiarazioni. Spostare l’attenzione, appunto. Perchè il problema non è che gli stanno per tagliare le puntate. Il problema, per Fazio e per la società di produzione di cui è titolare al 50per cento, è che a Viale Mazzini stanno davvero pensando di tagliargli i faraonici compensi. Di rivedere al ribasso, cioè, quel meraviglioso contratto cucitogli addosso dalla precedente gestione. Ovvio che l’ex imitatore savonese abbia pensato alla contromossa. E cosa mai ci può essere di meglio che paventare una censura? Che far sapere quanto a rischio sia, in questi frangenti di sovranismo imperante, la libertà di tutti? Spostare l’attenzione per salvare il portafoglio.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi