Scoperto il killer dei superbatteri resistenti agli antibiotici: un farmaco li visualizza e uccide

venerdì 31 Maggio 12:14 - di Redazione
super-batteri

Dalla ricerca, una speranza concreta per sconfiggere una volta per tutte i superbatteri resistenti agli antibiotici: un nuovo composto li visualizza e li uccide. A scoprirlo sono stati gli scienziati dell’Università di Sheffield e del Rutherford Appleton Laboratory (Ral). Il team, guidato da Jim Thomas del Dipartimento di Chimica dell’ateneo di Sheffield (Uk), sta testando nuovi composti sviluppati dalla giovane specializzanda Kirsty Smitten su batteri gram-negativi resistenti agli antibiotici, tra cui l’Escherichia coli.

Scoperto il killer dei superbatteri: un farmaco che li stana e li uccide

I ceppi batterici gram-negativi possono causare polmonite, infezioni del tratto urinario e del flusso sanguigno. Sono difficili da trattare poiché la parete cellulare batterica impedisce ai farmaci di penetrare nel microbo. La resistenza agli antibiotici è già responsabile di 25.000 morti solo in Ue ogni anno e, secondo gli esperti, a meno che non si affronti in modo efficace questa minaccia, si stima che nel 2050 oltre 10 milioni di persone potrebbero morire in un anno a causa di infezioni resistenti agli antibiotici. I medici non hanno avuto a disposizione nuovi trattamenti per i batteri gram-negativi negli ultimi 50 anni, e nessun potenziale farmaco è entrato negli studi clinici dal 2010. Il nuovo farmaco ha una gamma di opportunità definita «eccitante» dagli scienziati. «Poiché il composto è luminescente – spiega Thomas – si illumina quando viene esposto alla luce, il che significa che il suo assorbimento e l’effetto sui batteri possono essere seguiti attraverso tecniche di microscopia avanzata disponibili al Ral. Questa svolta potrebbe portare a nuovi trattamenti per superbatteri potenzialmente letali e mirati contro il crescente rischio rappresentato dalla resistenza antimicrobica».

La sperimentazione: sarà testato contro altri batteri multi-resistenti

Gli studi hanno dimostrato che il composto sembra avere diverse modalità di azione, rendendo più difficile l’emergere di resistenza nei batteri. Il prossimo passo della ricerca sarà testarlo contro altri batteri multi-resistenti. In una recente relazione sui super-bug, l’Organizzazione mondiale della sanità ha messo proprio diversi batteri gram-negativi in ​​cima alla sua “lista nera”, affermando che nuovi trattamenti per questi batteri sono prioritari, perché causano infezioni con alti tassi di mortalità, e vengono spesso contratti negli ospedali. La ricerca, pubblicata su “Acs Nano”, descrive il meccanismo d’azione del nuovo composto killer per l’E. coli gram-negativo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica