Sanità, c’è il sì del ministero: in Italia la “bombita” per rilanciare la vita sessuale

sabato 4 maggio 15:17 - di Redazione
tumori

C’è stato il via libera del Ministero della Salute. Semaforo verde per la “bombita” capace di rilanciare la vita sessuale. È un trattamento naturale e sono stati già trattati 60 pazienti. Non è invasivo ed è permanente. Rigenera i vasi sanguigni e la muscolatura liscia all’interno dell’organo sessuale dei pazienti con disfunzione erettile. «Si chiama CaverStem*. È un protocollo medico brevettato negli Stati Uniti, disponibile anche in Italia», sottolinea all’Adnkronos Salute Gabriele Antonini, urologo-andrologo di Roma. «Questa nuova terapia si aggiunge al plasma ricco di piastrine (Prp) che ha già dato effetti positivi ampiamente documentati nel trattamento della disfunzione erettile e delle curvature patologiche peniene determinate dalla malattia di La Peyronie».

La “bombita”, le parole dell’urologo Antonini

«Ora le cellule progenitrici ematopoietiche, mesenchimali ed endoteliali presenti nel midollo osseo del paziente acquistano un ruolo di primo piano nel trattamento della disfunzione erettile», aggiunge Antonini. La disfunzione erettile è una patologia strettamente correlata all’età,

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza

contatore di accessi