Salone del Libro, la Meloni attacca: «Censura in stile sovietico»

martedì 7 maggio 14:31 - di Redazione

«Al Salone del libro di Torino va in scena una pericolosa deriva liberticida da parte della solita sinistra»: lo scrive Giorgia Meloni sulla sua pagine Facebook a propsosito delle polemiche scatenate dall’Anpi e da alcuni scrittori per la partecipazione di Altaforte (casa editrice vicina a CasaPound) alla manifestazione librarfia,   «Gente – continua la leader di Fratelli dItalia– che evidentemente rimpiange le censure di epoca sovietica, vorrebbe arrogarsi il diritto di decidere chi possa esporre i propri libri e chi no, oggi con il pretesto del “pericolo fascista”, domani con chiunque non sia allineato con il pensiero unico. Per poi decidere quali libri si possono stampare e quali leggere. Nessun cedimento a chi vuole limitare la libertà degli italiani. Nessuna censura è tollerabile».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi