Salone del libro: la Lega vuole le dimissioni del direttore, Pd e M5S fanno quadrato in sua difesa

lunedì 13 maggio 17:04 - di Redazione

Il pluralismo deve tornare al salone del libro, via il direttore Nicola Lagioia. Lo chiede la Lega e immediata c’è la levata di scudi di Pd e M5S. “Nicola Lagioia deve dimettersi e deve fare lo stesso il suo direttivo. Non è francamente accettabile che il direttore di un evento importante come il Salone del Libro, evento in crescita e con una credibilità democratica internazionale da difendere, faccia partire un boicottaggio contro lo stesso evento che organizza”, lo afferma in una nota il segretario torinese della Lega e capigruppo in Consiglio comunale, Fabrizio Ricca.

“Il Salone – continua Ricca – si merita pluralità, democrazia e libertà e il clima che si è creato in questi giorni di polemica va esattamente nella direzione opposta a questi principi insindacabili quando si parla di cultura. Rimane  anche assurdo e da chiarire l’atteggiamento censorio e limitante della libertà di espressione messo in campo da Regione e Comune. Per questo chiediamo un passo indietro a chi non è intervenuto tempestivamente per difendere autori che con la loro presenza, negli anni, hanno contribuito al successo del Salone”.

Chiara Appendino, sindaco pentastellato di Torino, insorge in difesa di Lagioia: “Non permetteremo alla Lega di distruggere il lavoro di tre anni col quale abbiamo faticosamente salvato il Salone”. “Nicola Lagioia – continua – direttore della rinascita del Salone, non si tocca, è patrimonio della città. Se la Lega vuole prendersela con qualcuno se la prenda con chi si è assunto la responsabilità politica della scelta, ovvero la sottoscritta”, aggiunge.

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino: “Se la Lega pensa di usare il Salone come una delle tante poltrone di cui stanno facendo mercimonio sarà sconfessata dalla stessa comunità del Salone”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza