Sabato l'”internazionale sovranista” approderà a Milano: arriva anche Marine Le Pen

lunedì 13 maggio 14:45 - di Giovanni Trotta

La Lega proverà a schierarli tutti. A Milano, in piazza Duomo, sabato prossimo ci saranno – con Matteo Salvini – anche Marine Le Pen (che parlerà dal palco) e l’olandese Geert Wilders, i due leader più vicini al progetto sovranista del leghista. Ma in prima fila prenderanno posti i rappresentanti dei partiti “fratelli” di Germania (AfD) e Austria (Fpo), insieme ai bulgari di Volya, gli slovacchi di Sme Rodina, i cechi di Libertà e democrazia diretta, gli estoni di Ekre, i belgi di Vb, i danesi di Df e i finlandesi di Fp. Provenienti da undici Paesi della Ue, dove si voterà per il nuovo Europarlamento. Lo slogan sul palco è “Prima l’Italia! Il buon senso in Europa – Towards a Common Sense Europe”. Matteo Salvini chiede una prova di forza: “Voglio una piazza che faccia capire a Bruxelles che la pacchia è finita”. Per il leader della Lega l’appuntamento è cruciale “perché le europee sono un referendum: da una parte l’Europa delle èlite, dei poteri forti e delle banche, dall’altra l’Europa dei popoli”. “Ci saranno – assicura – francesi, tedeschi, austriaci, bulgari, finlandesi, olandesi, francesi…”. Poi torna il refrain già sentito per piazza del Popolo, per la kermesse leghista dell’Immacolata, lo scorso 8 dicembre: “Piazza Duomo sarà piena di mamme e papà, un corteo bello e tranquillo – assicura -.

11 i partiti sovranisti a Milano

Per ora restano fuori dall’internazionale sovranista e dalla manifestazione di Milano i polacchi di Diritto e Giustizia (Pis), guidati da Aleksander Kaczynski e gli ungheresi di Viktor Orban, leader di Fidesz e premier magiaro, incontrato da Salvini pochi giorni fa a Budapest. Si rivede in piazza Marine Le Pen, che si riprende il posto vicino al leader della Lega, dopo aver disertato il primo appuntamento sovranista dello scorso 8 aprile a Milano, all’hotel Gallia, dove con Matteo c’erano Meuthen di AfD, Kotro e Vistisen, leader rispettivamente dei populisti finlandesi e danesi. La Le Pen prenderà la parola sul palco milanese prima di Salvini, come confermano fonti del Rassemblement National all’AdnKronos. Tra i fedelissimi di Salvini ci saranno il ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana e il responsabile esteri, Marco Zanni, candidato per l’europarlamento. Intanto la macchina del Carroccio è in moto: pullman arriveranno da tutte le regioni, mentre dalla Sicilia e dalla Sardegna ci sono già voli prenotati con i leghisti del sud e delle isole che saranno a Milano. Programma prevede un corteo alle 15, con partenza da porta Venezia e arrivo in piazza Duomo, con il comizio dal palco, alle 16.30.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Pistis Giovanni 14 maggio 2019

    speriamo che i rospi stiano lontano e non rompano i c………….

  • In evidenza