Roma, rider colpito con sassi e uova a Torre Angela da un gruppo di adolescenti

giovedì 2 maggio 10:53 - di Fabio Marinangeli

Un rider di origine indiana è stato aggredito mentre tornava a casa insieme alla sua fidanzata a Torre Angela, periferia est di Roma, da un gruppo di adolescenti che li hanno colpiti con sassi e uova. A denunciare l’episodio, accaduto la notte del 29 aprile, è il sindacato Riders Union Roma, in un post su Facebook:  «Noi di Riders Union Roma siamo vicini ai due ragazzi che l’altra sera sono stati presi di mira da un gruppo di adolescenti che hanno pensato bene di passare la serata tirando prima dei sassi e poi delle uova ai due ragazzi che stavano tornando a casa dopo aver consegnato cibo in giro per la città».

Torre Angela, il rider ha avuto coraggio

«Il brutto fatto – si legge nel post – è accaduto nella periferia Est di Roma dove il rider, che tornava a casa insieme alla sua fidanzata, anch’essa rider, si è trovato coinvolto in questa brutta situazione: scegliere se attirare verso di sé tutte le attenzioni degli adolescenti e far scappare la sua ragazza oppure rimanere entrambi lì. Lui ha scelto coraggiosamente di rimanere in quella situazione da solo e i bambinetti dopo essersi stufati di tirare i sassi hanno tirato verso il rider delle uova causandogli un danno oculare».

Trauma all’occhio destro

«Il fatto di aver premeditato questo gesto così vile ci fa rabbrividire. In ogni caso, fortunatamente, per il rider c’è stato “solo” un trauma all’occhio destro e non la peggiore ipotesi, che si era paventata all’inizio, del distacco della retina. Tra noi rider – sottolinea il sindacato – si è attivata subito la rete di mutuo soccorso e abbiamo fatto sì che il rider fosse accompagnato all’ospedale. Ti auguriamo una pronta guarigione; sappiamo che il dottore ti ha prescritto, oltre ai medicinali, una settimana di riposo. Goditela insieme alla tua fidanzata.Noi vi aspettiamo in strada, sempre a braccia aperte. Spero li scuserete, non crediamo siano razzisti ma semplicemente deficienti».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza