Miccichè a Forza Italia: «Fermatevi, non dobbiamo fare i camerieri della Lega»

lunedì 13 maggio 12:21 - di Paolo Sturaro

«In questo momento tutta Forza Italia è divisa in due posizioni più che legittime: una che punta sul recupero del rapporto con la Lega e l’altra che pensa a una nuova operazione di un polo moderato. E io sono tra questi. Mi sembra che si stia perdendo solo tempo appresso alla Lega…». Ad affermarlo all’Adnkronos è l’azzurro Gianfranco Miccichè. «Sono posizioni non nette, nessuna delle due si fa avanti, ma per un siciliano il polo moderato è molto più affascinante che fare i camerieri della Lega…».

Miccichè, il centrodestra e il Pd

Il centrodestra senza la Lega non esiste? Non dire. Intanto abbiamo vinto in molti comuni senza la Lega. In teoria, le ricordo, che saremmo anche insieme. Perché non vengono con noi?», aggiunge Miccichè. «A Caltanissetta, ad esempio – dice il Presidente dell’Ars – perché non venivano con noi? Certamente non siamo noi a rifiutarli, noi abbiamo provato a fare alleanze». E le voci sull’intesa con il Pd? «Il Nazareno era un accordo tra Pd e Forza Italia e io non vado verso questa strada, non sarebbe possibile. Io ripeto sempre che alla fine i simili devono stare insieme. Sono arrivato dire che persino io e Orlando siamo simili…», puntualizza Miccichè. Che fa un esempio: «Nei giorni scorsi abbiamo commemorato in aula Gianni Parisi (ex deputato Pci, ndr), un momento molto bello. E in aula è venuto fuori che persino Cracolici (deputato Pd) applaudiva all’accordo tra Pci e Dc per il bene della Sicilia…».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza