Maresciallo ucciso, il commovente messaggio del giovane collega (video)

sabato 18 Maggio 15:19 - di Redazione

È stato dimesso stamattina dopo un mese e 5 giorni di convalescenza nell’ospedale di San Giovanni Rotondo il carabiniere Pasquale Casertano, 26 anni, ferito in modo serio lo scorso 13 aprile durante la sparatoria, a Cagnano Varano, in provincia di Foggia, che determinò la morte del maresciallo maggiore e vice comandante della Stazione dell’Arma, Vincenzo Di Gennaro, 46 anni. Giuseppe Papantuono, il pregiudicato che sparò perché non sopportava i controlli delle forze dell’ordine, venne arrestato poche ore dopo.

«Lui rimarrà sempre nel mio cuore»

Casertano, compagno di pattuglia della vittima, in un video girato nella stessa stanza d’ospedale in cui è stato ricoverato e pubblicato sul canale Youtube della struttura, ricorda il maresciallo Di Gennaro, «fratello maggiore, persona che porterò per sempre nel cuore. Queste cose non si dimenticano mai, ma vanno solo affrontate e superate. Bisogna solo andare avanti. Lui rimarrà per sempre nel mio cuore».

Casertano ringrazia la «grande famiglia» dell’Arma

Il giovane carabiniere ringrazia «tutti i cittadini e la società civile che mi sono stati vicini in questo periodo brutto e particolare, anche solo tramite un messaggio o con i social, in particolare i bambini delle scuole che hanno scritto delle bellissime lettere d’affetto nei miei confronti, che mi hanno emozionato davvero tanto». «Li ringrazio di cuore», ha aggiunto Casertano, rivolgendo poi un ringraziamento molto sentito sia all’Arma dei carabinieri, «che si è dimostrata davvero una grande famiglia» sia ai medici, agli infermieri e a tutti gli operatori sanitari «che mi sono stati vicino, oltre che dal punto di vista clinico, anche psicologico».

Video

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica