La guerra in Siria è finita, ma non per la Ue: rinnovate le sanzioni contro Damasco

venerdì 17 maggio 16:28 - di Antonio Pannullo

Dopo aver vomitato veleno per sette anni contro il legittimo presidente siriano Bashar al Assad, l’Unione europea adesso non sopporta la vittoria di Damasco contro i terroristidell’Isis e fa quello che sa fare meglio: sanzioni. Il Consiglio Ue infatti ha prorogato fino al primo giugno 2020 le sanzioni contro il legittimo governo siriano di Bashar al-Assad, poiché – a suo dire – continua a condurre una politica repressiva contro la popolazione civile. L’istituzione che rappresenta gli Stati membri ha anche rimosso 5 persone decedute e due persone giuridiche dalla lista, che ora comprende 270 persone e 70 società o enti, colpiti dal divieto di viaggiare nell’Ue e dal congelamento dei beni, perché considerati responsabili della repressione contro i civili, di aver beneficiato del regime o di sostenerlo, e/o di essere collegati ai soggetti sanzionati. Le sanzioni includono anche un embargo sul petrolio, restrizioni per determinati investimenti, il congelamento dei beni che la Banca centrale siriana ha nell’Ue e restrizioni all’export di tecnologie ed equipaggiamenti che possano essere utilizzati a fini di repressione interna oppure per monitorare o intercettare le comunicazioni telefoniche o via Internet. L’Ue “rimane impegnata a trovare una soluzione politica credibile e duratura al conflitto” in Siria, sulla base della risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu. La Ue non si è accorta che il conflitto da lei citato è finito da qualche mese, con la sconfitta dei terroristi islamici a opera del governo siriano e dei suoi alleati curdi e allora contnua la sua guerra personale contro Assad, colpevole agli occhi di Bruxelles di essere vicino alla Russia di Putin, visto dalla Ue come il più grande nemico.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza