Gad Lerner, l’autoironia dopo la brutta figura: «Full immersion nella Capalbio radical chic»

mercoledì 29 maggio 19:23 - di Ernesto Ciecaquaglia

Rimarrà famoso il post di Gad Lerner sulle “classi subalterne” che si affidano oggi alla Lega di Salvini. Queste parole di scherno e disdegno sono state interpretate come la dimostrazione classica dello snobismo dell’intellettuale di sinistra davanti al popolo che vota in direzione apposta a quella da lui desiderata. Lerner ha provato a rispondere alla pioggia di critiche che gli sono piovute addosso citando i Quaderni dal carcere di Antonio Gramsci, dove si parla appunto di “classi subalterne”. Ma la cosa non ha funzionato. Ora tenta la carta dell’autoironia postando su Facebook una sua foto da Capalbio, luogo cult degli snob di sinistra, Questo il suo commento «Capalbio, stabilimento balneare Ultima Spiaggia. Full immersion nei luoghi comuni sui radical-chic che impazzano sui social network per dimostrare che i buoni sono solo furbi per cui è meglio mandare avanti i cattivi. Anche a Capalbio (dove purtroppo non è vero che io abbia casa) proseguono le riprese de L’Approdo, in onda da lunedì prossimo alle 23,15 su Rai3». Anche stavolta la replica alle critiche lascia il tempo che trova: si può fare gli snob pur non avendo la casa a Capalbio.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza