Europee, Napolitano esce dal letargo ed entra a gamba tesa: «Un voto contro i sovranisti»

domenica 19 Maggio 12:11 - di Carmine Crocco
napolitano

«Partecipare al voto per il Parlamento europeo per respingere chi esalta gli Stati sovrani come risposta ai  problemi dei cittadini ma anche chi con ipocrisia si finge a favore  della Ue». L’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano esce dal letargo ed entra a gamba tesa nella campagna elettorale per le europee. In una intervista a Repubblica mette in guardia da quella che definisce  «l’illusione»  messa in campo da sovranisti e anti europeisti. L’Unione europea, Napolitadice no, è nata «dall’immane disastro della  seconda guerra mondiale in reazione ai nazionalismi e alle tendenze  reazionarie, fasciste e di destra che l’hanno provocato». Un
“patrimonio” che non può essere disperso.

«Ho apprezzato e condiviso -sottolinea- il solenne appello firmato dai 21 Capi di Stato, prima di tutto perché è un segno importante di
unità: un’ampia partecipazione a questa prova è auspicabile, perché
senza dubbio rafforza la legittimazione democratica e la capacità di
incidere delle istituzioni europee. Un appello importante in questa
fase così delicata del processo d’integrazione, nella quale sembrano
avere maggiore risalto i motivi di divisione e di polemica tra alcuni
governi nazionali rispetto a una necessaria assunzione di  responsabilità di fronte a sfide globali». Insomma, Napolitano rispolvera il peggiore repertorio dell’antifascismo d’annata. Ma oggi non funziona più. L’ex presidente e gli altri soloni della Repubblica e di Repubblica si mettano il cuore in pace.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Maurizio Giannotti 20 Maggio 2019

    Si è ridestata la mummia dell’ultracomunismo. I metodi sono sempre gli stessi. Sono solo cambiati i mandanti. Con i privilegi di cui ancora gode, costui pretende pure di indicare agli Italiani la giusta strada, Quella del Bildenberg!!!

  • beppe 19 Maggio 2019

    Mandatelo nel paese dove starà meglio!

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica