C’è la mano dei terroristi islamici nella bomba di Lione. Trovato l’esplosivo “madre di Satana”

sabato 25 Maggio 17:58 - di Giovanni Trotta
francia

Nella bomba esplosa ieri a Lione sono state trovate tracce di perossido d’acetone (Tatp), un esplosivo usato in molti attentati rivendicati dallo Stato Islamico. Lo hanno riferito fonti dell’inchiesta a France Info. Detto “madre di Satana” è un esplosivo relativamente facile da realizzare, ma molto instabile. Fu utilizzato fra l’altro per le cinture esplosive degli attentati del 13 novembre 2015 a Parigi. Fonti degli inquirenti riferiscono anche che è stato isolato un Dna fra i resti dell’ordigno, ma al momento non è chiaro se si tratti del misterioso attentatore. L’inchiesta è stata affidata alla procura anti terrorismo di Parigi, e lo stesso presidente Emmanuel Macron, di solito molto cauto nei confronti degli islamici, ha parlato di “attacco”. In una conferenza stampa il procuratore Remy Heitz ha confermato oggi che non è arrivata nessuna rivendicazione per la bomba, che ha causato 13 feriti. La caccia all’attentatore, ha precisato il magistrato, coinvolge un centinaio di uomini. Grazie alle telecamere è stato ricostruito l’itinerrario in bicicletta dell’uomo che depositato il sacchetto di carta con la bomba, poco prima dell’esplosione alle 17.30 davanti ad una panetteria.

Fuggito il terrorista, è caccia all’uomo in tutta Lione

Tre delle 13 persone ferite in un presunto attacco terroristico nel centro di Lione sono ancora ricoverate in ospedale. Lo ha reso noto il sindaco della città Gerard Collomb all’emittente di Bfmtv, aggiungendo che solo uno dei tre ancora in ospedale ha subito gravi lesioni nell’esplosione. Gli specialisti anti-terrorismo stanno indagando sull’esplosione avvenuta intorno alle 17:30 del ieri vicino a una panetteria in Rue Victor-Hugo, in una zona pedonale della città. In tarda serata le autorità hanno pubblicato un appello su Twitter per cercare eventuali testimoni e una foto ripresa dalle telecamere di videosorveglianza del sospettato, definito come “pericoloso”. L’immagine mostra un uomo che indossa una camicia scura, pantaloncini leggeri, un cappello e occhiali da sole mentre spinge una bicicletta. La causa dell’esplosione non è ancora chiara, ma i media locali hanno riferito che i pubblici ministeri sospettavano che fosse causato da un pacco bomba. Secondo i media, il sospetto è fuggito su una bicicletta dopo aver depositato il dispositivo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica