Berlusconi al rush finale: «Il primo sovranista sono io, la nostra identità va difesa»

giovedì 23 maggio 10:08 - di Franco Bianchini

Interviste sui quotidiani, in tv e in radio. Silvio Berlusconi al rush finale della campagna elettorale. «Mi sembra evidente che siamo ai titoli di coda», afferma a La Verità, ribadendo che il governo gialloverde è al capolinea. E assicura: «Se essere sovranisti significa difendere la nostra identità, il nostro stile di vita, basato sulle radici cristiane e i principi liberali, allora il primo sovranista sono io».

Berlusconi: il centrodestra vince se resta unito

«Prima dobbiamo vedere i risultati delle elezioni, poi decideremo chi sarà il regista. Certo è che il centrodestra può vincere soltanto se rimane unito», dichiara Berlusconi in un’intervista al Corriere della Sera. L’ex presidente del Consiglio si è soffermato anche sulle sorti dell’attuale governo dopo le Europee: «Non posso dare una risposta certa. Posso però dire che credo che il governo cadrà se i M5S avranno un insuccesso e al tempo stesso Forza Italia avrà invece un buon risultato». E aggiunge: «Questo governo non può andare avanti, in Europa abbiamo la maglia nera per gli investimenti e lo sviluppo. Gli italiani lo hanno capito, per questo diano un voto al centrodestra che può dare vita a un nuovo governo e pensare alle urgenze come quelle di abbassare le tasse».

«Molti Cinquestelle sono incollati alle poltrone»

«Per quanto mi riguarda – continua Berlusconi – vorrei che il capo dello Stato optasse perché nuove elezioni venissero fatte già a settembre. Purtroppo non so se sarà possibile, sappiamo che molti parlamentari M5S non ne vogliono sapere di lasciare la poltrona. E molti che sono candidati in Europa lo hanno fatto soltanto per portare voti qui e rimanere in Italia. Sono sicuro che sarò io l’unico leader italiano a sedere nel Parlamento europeo, gli altri rimarranno qua in Italia. Io vado in Europa per cambiare questa nostra Ue e il nostro Paese».

Forza Italia dev’essere il perno

Dalle europee emergerà «un risultato che potrà mandare a casa questo governo che ha fatto e farà tanto male all’Italia. Mi aspetto una discesa verticale dei 5 stelle rispetto al 4 marzo 2018 e un buon risultato per Forza Italia», dice Berlusconi ai microfoni di Radio anch’io su Rai Radio 1. Il Cav ribadisce che spera di avere un centrodestra unito in cui «il mio partito sia il perno» e di andare al voto già a settembre.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sandro Cecconi 23 maggio 2019

    Ormai ne spara talmente tante che poi non si ricorda quanto dichiarato solo un minuto prima.

  • avv. alessandro ballicu 23 maggio 2019

    lui è un plutocrate, strumentale alla ue ed alle grandi multinazionali che stanno distruggendo l’italia, dovrebbe vergognarsi per quello che non ha fatto quando era al governo e per aver votato tutte le folli tasse del governo monti, spero che gli elettori domenica gli diano la lezione che merita

  • In evidenza