Bagnasco: i vescovi sono per l’Europa ma è un errore snobbare i sovranisti

martedì 21 Maggio 18:27 - di Redazione

L’Europa non va messa in discussione ma va riformata, il fenomeno del sovranismo non può essere snobbato, le istituzioni europee vanno rese più democratiche. Lo dice l’arcivescovo di Genova e presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa (Ccee), il card. Angelo Bagnasco, ospite del programma ‘Siamo noi’ su Tv2000 commentando le imminenti elezioni europee che, ha aggiunto, “rivestono un valore politico e una consapevolezza che le altre elezioni non hanno avuto”.

“I vescovi europei – ha aggiunto Bagnasco – guardano alle prossime elezioni europee con molta convinzione, fiducia, determinazione ma anche realismo di fronte alle difficoltà e alla incompiutezza del sogno europeo. Tutti i vescovi europei credono nel cammino unitario dell’Europa. Le aspettative sono quelle di un’Europa più democratica nelle sue istituzioni che sono un po’ da rivedere e ripensare. Non è un processo tragico ma semplicemente di buonsenso. Abbiamo bisogno di un’Europa più leggera ed efficace perché deve essere avvertita dalle nazioni e dai popoli non matrigna ma madre e infine più solidale. Il prossimo Parlamento europeo dovrebbe fare un processo onesto, intelligente ed umile di verifica a partire dalle istituzioni. Il cammino unitario dell’Europa è assolutamente indispensabile. La storia dell’Europa è allo stesso modo diversa ma unitaria. L’ Europa dovrebbe fare anche qualche esame del cammino percorso”.

“Il mondo politico di questi decenni – ha sottolineato ancora Bagnasco – deve fare un esame di coscienza. Perché il compito della politica non è solo quello di registrare i fatti ma anche quello di interpretarli. E i fenomeni del populismo e sovranismo non sono di ieri ma sono nati in precedenza. Per questo dovevano essere considerati in Italia e in Europa. Bisognava vedere se c’erano degli elementi di verità, delle ragioni pur piccole ma da prendere in considerazione. E invece sono stati snobbati pensando che si sciogliessero da soli. Questa è una visione politica assolutamente miope”.

Commentando infine l’uso del rosario da parte di Matteo Salvini, Bagnasco ha osservato: “I simboli sono sempre una cosa seria anche quelli non strettamente religiosi. Devono essere dunque apprezzati e usati nel modo proprio”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica