Arresti a Napoli per l’uomo ucciso davanti all’asilo e sotto gli occhi del nipotino

sabato 4 maggio 9:44 - di Mia Fenice

Doppio colpo di polizia e carabinieri nel quartiere di San Giovanni a Teduccio a Napoli. La zona è l’epicentro della faida tra clan Rinaldi e Mazzarella: sette fermi sono stati eseguiti a carico di esponenti del clan D’Amico (quindi vicini ai Mazzarella) per l’omicidio di Luigi Mignano avvenuto lo scorso nove aprile, nel cuore del rione Villa. Per gli inquirenti sono loro i responsabili dell’agguato a pochi passi dalla scuola Vittorino Da Feltre. Nell’agguato venne ucciso un uomo che stringeva la mano del nipotino che stava andando a scuola. L’operazione coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli ha dato esecuzione anche a un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di cinque appartenenti al clan camorristico Formicola per gli omicidi dei fratelli Massimo e Salvatore Petriccione avvenuti il 29 giugno 2002 e l’8 marzo 2004. A carico di tutti gli arrestati sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza che hanno consentito all’autorità giudiziaria l’emissione dei due provvedimenti.

Sulla vicenda è intervenuto anche il ministro Matteo Salvini: «Complimenti a polizia e carabinieri per i velocissimi arresti di questi camorristi che hanno sparato per le vie di Napoli. È una risposta concreta: lo Stato c’è, si fa sentire, non dà tregua ai boss. Ed episodi come quello di ieri non resteranno impuniti. Vinceremo noi».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi