Antimafia, bufera sul grillino Morra: ha creato una struttura inquirente parallela allo Stato

lunedì 13 maggio 19:42 - di Roberto Frulli
NICOLA MORRA

L’accusa è circostanziata e gravissima. E arriva da Forza Italia. Che, in una conferenza stampa indetta a Montecitorio rivela, documenti alla mano – in particolare un verbale – come il presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, il grillino Nicola Morra,  abbia creato una sorta di «struttura inquirente parallela allo Stato» intercettando, «nel soggiorno di casa» propria un indagato. E, poi, utilizzando quella intercettazione per mettere in moto un’indagine giudiziaria contro un parlamentare azzurro. Non solo. Un pm e un maresciallo della Finanza che hanno indagato sulla vicenda sarebbero poi divenuti consulenti proprio di Morra e della Commissione Antimafia.
Un cortocircuito giudiziario-istituzionale che apre scenari inimmaginabili. E che sta scatenando una bufera su Morra il quale siede su quella poltrona, delicatissima, che fu di Luciano Violante, “il nostro Vishinsky” come lo definì Cossiga, il ministro-ombra del Pci-Pds per la Giustizia che proprio grazie al suo ruolo nella Commissione Antimafia “istruì”, grazie alle confessioni personali di Buscetta, il processo Andreotti finito poi nel nulla.
I tempi passano ma sembra che nulla sia cambiato, sotto questo punto di vista.

Ma andiamo con ordine. Tutto inizia il 15 febbraio scorso, secondo Roberto Occhiuto vicepresidente vicario del gruppo forzista alla Camera che denuncia, insieme ai colleghi Giorgio Mulé e Iole Santelli, l’incredibile vicenda durante la conferenza stampa: «Il presidente della Commissione Antimafia Morra è un moralista senza morale. Sono senza parole, ha creato una struttura inquirente parallela allo Stato…».

Quel giorno, dunque, rivela Occhiuto, fratello del sindaco di Cosenza Mario, il senatore Morra riceve «nel soggiorno di casa un indagato, Giuseppe Cirò», ex-capo segreteria del sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, «denunciato da quest’ultimo dopo aver scoperto una serie di illeciti rimborsi ai danni del Comune».

«Lo ha trasformato in un delatore – accusa ora Occhiuto sventolando le carte – A questo incontro hanno partecipato anche un perito del Tribunale della Procura e l’ex-candidato sindaco per M5S».

«Cinque giorni dopo il 20 febbraio del 2018 – continua, ancora, Occhiuto riavvolgendo il film di una vicenda che definisce senza mezzi termini «allucinante» – Morra, ora presidente dell’Antimafia, si è recato alle 22 di sera, presso il Comando della guardia di Finanza per depositare un dvd» che contiene, secondo il fratello del sindaco di Cosenza, un’intercettazione ambientale «avvenuta nella sua casa durante l’incontro».

«Morra consegna il dvd nelle mani del maresciallo della Gdf, Domenico Portella, che poi verrà chiamato a far parte della segreteria del presidente dell’Antimafia. Con una velocità assai insolita il giorno dopo, il 20 febbraio, il procuratore aggiunto di Cosenza, la dottoressa Marisa Manzini, apre una serie di fascicoli e ordina alla Gdf di sbobinare il contenuto di questa registrazione. In seguito la Manzini verrà chiamata a far parte, come consulente a tempo pieno, dell’Antimafia. E’ tutto scritto nei documenti c’è un verbale», avverte Occhiuto lasciando intendere che ce ne è abbastanza per mettere spalle al muro Morra.
«E’ davvero folle quanto accaduto», commenta sconcertata la vicepresidente azzurra della Commissione Antimafia, Iole Santelli.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi