Amministrative, cittadini alle urne per eleggere 3818 sindaci: ecco le città dove si vota

sabato 25 maggio 9:34 - di Mia Fenice

Domani sarà il giorno dell’election day: urne aperte in tutta Italia dalla 7 alle 23 per le elezioni europee, ma in oltre tremila Comuni si voterà anche per il sindaco e il rinnovo del consiglio comunale. In Piemonte si voterà anche per le elezioni regionali.

Amministrative, dove si vota

Si voterà per le amministrative in 3.818 Comuni d’Italia. La tornata elettorale coinvolge cinque capoluoghi di Regione: Firenze, Bari, Perugia, Potenza e Campobasso. E 20 capoluoghi di provincia: Ascoli Piceno, Avellino, Bergamo, Biella, Cremona, Ferrara, Foggia, Forlì, Lecce, Livorno, Modena, Pavia, Pesaro, Pescara, Prato, Reggio nell’Emilia, Rovigo, Verbania, Vercelli, Vibo Valentia.

A Cagliari, così come nel resto della Sardegna, invece si voterà per le elezioni comunali domenica 16 giugno, con l’eventuale ballottaggio che si terrà il 30 giugno. Le elezioni comunali in Sardegna vedranno chiamati alle urne i cittadini di 28 Comuni tra cui Cagliari, Sassari e Alghero.

Il voto

Le modalità di espressione del voto cambiano in funzione della popolazione dei comuni, come si legge sul sito del ministero dell’Interno. Nei Comuni fino a 15.000 abitanti si può tracciare un segno solo sul candidato sindaco, solo sulla lista collegata al candidato sindaco o anche sia sul candidato sindaco che sulla lista collegata al medesimo candidato sindaco: in ogni caso il voto viene attribuito sia alla lista di candidati consiglieri che al candidato sindaco collegato. È eletto sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti.

Nei Comuni con più di 15.000 abitanti si può: tracciare un segno solo sul candidato sindaco; in questo caso il voto viene attribuito solo al candidato sindaco; tracciare un segno solo su una delle liste collegate al candidato sindaco o anche sia sul candidato sindaco che su una delle liste collegate al medesimo candidato sindaco: in entrambi i casi il voto viene attribuito sia al candidato sindaco che alla lista di candidati consiglieri; esprimere il voto disgiunto, tracciando un segno sul candidato sindaco ed un altro segno su una lista non collegata: in questo caso il voto viene attribuito sia al candidato sindaco che alla lista non collegata. È eletto sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50% più uno); qualora nessun candidato raggiunga tale soglia si tornerà a votare domenica 9 giugno per il ballottaggio tra i due candidati più votati.

Le preferenze si esprimono scrivendo negli appositi spazi il cognome (oppure il nome e cognome in caso di omonimia) dei candidati consiglieri comunali della lista votata.

Le preferenze

Nei Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti si può esprimere una sola preferenza. Nei Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti è possibile esprimere due preferenze per i candidati a consigliere comunale, scrivendone il cognome nelle apposite righe tratteggiate poste al di sotto del contrassegno di lista. In caso di espressione di due preferenze, queste devono riguardare una candidata di genere femminile ed un candidato di genere maschile (o viceversa), pena l’annullamento della seconda preferenza.

La tessera elettorale

Si rinnova presso l’ufficio elettorale del Comune di residenza. L’ufficio elettorale resterà oggi aperto dalle 9 alle 18. Nel giorno della votazione, per tutta la durata delle operazioni di voto, e quindi dalle 7 alle 23.

I documenti

I documenti di identità da presentare al momento del voto sono quelli ricompresi in una delle tre seguenti categorie:

a) carta d’identità o altro documento d’identificazione munito di fotografia, rilasciato dalla pubblica amministrazione;

b) tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia, purché munita di fotografia e convalidata da un Comando militare;

c) tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, purché munita di fotografia.

La carta d’identità elettronica

In caso sia stata fatta richiesta della Carta d’identità elettronica (CIE) e il 26 maggio non sia stata ancora consegnata, in mancanza di altro documento d’identificazione, si può votare con la ricevuta di richiesta della CIE. La ricevuta, infatti, contiene la fotografia e i dati anagrafici del richiedente e il numero della CIE cui si riferisce. Pertanto costituisce documento di riconoscimento ai sensi dell’art.1, comma 1, lettera c), del d.P.R. n.445/2000.

Errore di voto

Secondo la più recente giurisprudenza, l’elettore che si rende conto di aver sbagliato nel votare può chiedere al presidente del seggio di sostituire la scheda stessa, potendo esprimere nuovamente il proprio voto. A tal fine, il presidente gli consegnerà una nuova scheda, inserendo quella sostituita tra le “schede deteriorate”.

App e sito

Sul sito Eligendo del ministero dell’Interno e la App Eligendo Mobile ci sono tutte le informazioni sul voto di domenica 26 maggio per le europee, le elezioni regionali in Piemonte e le amministrative. I risultati saranno via via consultabili attraverso il sito www.interno.gov.it e http://elezioni.interno.it.

Urne e scrutinio

Domani le urne saranno aperte dalle 7 alle 23. Lo scrutinio per le europee inizierà alla chiusura dei seggi. Alle 14 di lunedì, invece, avrà inizio lo scrutinio delle regionali in Piemonte e delle elezioni comunali. Online e sul canale mobile si potrà seguire dunque l’affluenza e l’andamento del voto in Piemonte, sia per il presidente che per le singole liste. In tempo reale saranno aggiornati anche i dati che affluiscono riguardo alle elezioni amministrative. La App cambierà via via volto per fornire le informazioni più pertinenti ai vari momenti legati alla consultazione elettorale.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi