Viareggio, turista argentino massacrato da un rumeno: «Sono schifato, non tornerò mai più in Italia»

giovedì 4 aprile 12:41 - di Redazione

Mai più, il povero turista argentino è schifato e non tornerà «mai più in Italia», confessa ai poliziotti toccando le ferite sulla testa procurate da un’aggressione vile e violenta do un cittadino rumeno, a Viareggio, dove la sua vacanza si è trasformata in un incubo. «Non ne voglio sapere più niente. Non metterò mai più piede in Italia», ha risposto in un lettera declinando l’invito del Tribunale di Lucca. Per quella rapina il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Lucca Alessandro Trinci ha rinviato a giudizio Mihail Daniel Iancu, rumeno, riconosciuto dal  turista argentino sulle fotografie segnaletiche che le forze dell’ordine a cui si era rivolto per denunciare l’accaduto gli avevano sottoposto. Il rapinatore doveva sapere che dentro lo zainetto che l’argentino aveva in spalla c’era qualcosa di davvero prezioso. Ha atteso che il bagnante lasciasse la spiaggia, che si trovasse in una zona isolata e che in quel momento non passasse nessuno. Poi si è scagliato contro il turista argentino, l’ha picchiato fino a quando lui non ha mollato lo zaino con all’interno un prestigioso orologio ed è scappato. Merito delle forze dell’ordine se il violento balordo è stato arrestato, dopo il riconoscimento. Il rifiuto del turista argentino di tornare in Italia potrebbe favorire la scarcerazione del laro rumeno.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi