Sri Lanka, così hanno colpito per assassinare oltre duecento cristiani

domenica 21 aprile 19:49 - di Redazione

Pasqua di sangue in Sri Lanka devastato da una serie coordinata di attacchi tra i più sanguinosi degli ultimi anni contro la comunità cristiana. Oltre 200 morti, di cui almeno 35 stranieri, e più di 500 feriti sono il bilancio ancora provvisorio di otto esplosioni, le prime sei in simultanea, che hanno squarciato chiese nell’ora della messa ed alberghi pieni di turisti.
Lo Sri Lanka, dopo decenni di conflitti interni tra Governo e separatisti tamil e un periodo di pace, all’alba è ripiombato nell’incubo. Sei esplosioni in sequenza sono avvenute in tre chiese e tre alberghi della capitale Colombo, frequentati anche da stranieri, e in altre due località, Batticaloa e Negombo. Per i fedeli in preghiera non c’è stato scampo.

Agguati in serie

Altri due kamikaze sono entrati in azione ore più tardi alla periferia di Colombo, seminando ancora morte. Tra le vittime straniere si contano “diversi” americani (come annunciato dal segretario di Stato Usa Mike Pompeo). Ma anche britannici, olandesi, danesi, due turchi, un cinese e un portoghese. Al momento non risultano italiani coinvolti. La Farnesina ha comunque attivato l’unità di crisi e sta effettuando verifiche.
Da una località della costa cingalese è arrivata la testimonianza di una coppia di italiani in vacanza. “Eravamo in pullman – racconta Roberto Mariotti, avvocato fiorentino di 46 anni – stavamo andando verso una struttura turistica sul mare. Ora siamo arrivati almeno fino a domani alle 6.00, ci hanno detto, non potremo muoverci”. Ad informare Mariotti e la sua fidanzata di Cagliari, di quanto accaduto nel Paese sono stati i genitori che li hanno chiamati dall’Italia per avere loro notizie.

Coprifuoco di 12 ore

La paura si è diffusa in fretta: il governo ha imposto un coprifuoco di 12 ore, dalle 18 (le 14.30 in Italia) alle 6 del mattino, lasciando però la possibilità di partire a chi intenda abbandonare il Paese. Chi è in possesso di un biglietto aereo dovrà solo mostrarlo ai posti di blocco per raggiungere l’aeroporto.
Oscurati, ‘per evitare la diffusione di fake news’, tutti i social media. Scuole chiuse per 48 ore. I segni degli attentati sono atroci: testimoni raccontano di brandelli di corpi e teste sparsi sui marciapiedi davanti agli alberghi.
Il ministro della Difesa dello Sri Lanka ha annunciato poche ore dopo gli attentati di avere “identificato i responsabili” di quelli che vengono ritenuti atti di “terrorismo” compiuti da “estremisti religiosi”. Sono state arrestate sette persone. Ma resta confusa la matrice degli attacchi, che il ministro delle Finanze ha definito un “tentativo ben coordinato di creare morti, caos e anarchia”.
Tra le vittime non solo cristiani, c’è perfino una famosa chef cingalese, ma si ritiene che si sia voluto colpire soprattutto questa comunità in un giorno sacro. Una strage quasi annunciata, tanto che la polizia aveva alzato la guardia da 10 giorni davanti alle chiese principali del Paese.
Gli attentati di oggi sono l’ultimo atto di una scia di sangue che, solo nel 2018 – secondo un rapporto di World Watch List – ha lasciato dietro di sè 4.305 cristiani uccisi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giorgio 22 aprile 2019

    ma nooooo, sono bravi ragassi, facciamoli venire tutti qui, adesso con la crisi libica provocata ancora una volta da quei mangia guano dei francesi ne arriveranno a migliaia e con il loro fanatismo e con i loro fratelli del terrorismo ne vedremo delle belle.Dimenticavo, ci mancava anche questo Papa argentino che si genuflette dinnanzi ai mussulmani e continua la sua “politica” dell’accoglienza, ma li prendesse Lui e li mettesse nei seminari deserti o nei conventi disabitati.La politica dell’accoglienza non produce alcun vantaggio, anzi solo problemi, queste “bestie” devono essere solo messe in condizione di non nuocere, in caso si potrebbero tutti mandare, in alternativa, a Capalbio dai “ben pensanti” e dai “buonisti”.

  • In evidenza

    contatore di accessi