Schiaffo del Sudan all’Onu: “Noi non consegniamo i cittadini sudanesi ai vostri tribunali”

venerdì 12 aprile 16:57 - di Redazione

L’Ufficio Onu per i diritti umani chiede alle autorità sudanesi di collaborare con la Corte penale internazionale dell’Aja (Cpi), che ha spiccato un mandato d’arresto per il deposto presidente Omar al-Bashir sospettato di crimini di guerra. “Esortiamo le autorità in Sudan a collaborare pienamente con la Cpi”, ha detto la portavoce, Ravina Shamdasan durante un briefing. Ma da Karthoum giunge un secco rifiuto: il deposto presidente sudanese Omar “al-Bashir non sarà consegnato alla Corte penale internazionale dell’Aja”. Lo ha affermato il capo del Comitato politico della giunta militare in Sudan, Omar Zine El Abidine, durante una conferenza stampa a Khartoum. “Non concederemo l’estradizione di al-Bashir. Sarà processato e giudicato qui in Sudan”, ha detto il capo del Comitato politico della giunta militare in Sudan. “Abbiamo la nostra magistratura – ha aggiunto – Non concederemo l’estradizione di cittadini sudanesi”.

El Abidine ha aggiunto: “Non vogliamo assolutamente restare al potere”. Lo ha affermato il capo della giunta militare. “Siamo i tutori del cambiamento voluto dal popolo – ha aggiunto – Siamo qui per arrivare a soluzioni accettabili per il popolo”. Secondo El Abidine, l’obiettivo della giunta militare è facilitare il dialogo per arrivare a una soluzione della crisi e il suo compito principale è garantire in questa fase l’ordine pubblico, pace, sicurezza e stabilità. “Due anni è il limite massimo per la transizione” sotto la guida della giunta militare, ha aggiunto. “Potremmo anche lasciare il potere tra un mese – ha proseguito – ma dobbiamo essere realisti”. Ma l’opposizione scalpita: la piattaforma predominante laica di opposizione Sudan Call ha condannato il golpe militare e accusato ”l’ala militare del movimento islamico” di aver preso il potere per riprodurre il vecchio regime. ”Prendendo il potere hanno tutelato le strutture politiche ed economiche del vecchio regime e la nuova giunta non ha fornito alcuna soluzione politica per mettere fine al conflitto, per dare il via a una trasformazione democratica o per risolvere la crisi economica”, ha dichiarato Yasir Arman, “segretario”  degli Affari esteri di Sudan Call. ”E’ vino vecchio in bottiglie vecchie”, ha aggiunto, notando che il golpe non ha toccato il Partito nazionale del Congresso del deposto presidente. Le varie forze dell’opposizione sudanese hanno condannato all’unanimità il golpe militare, chiedendo ai manifestanti di rimanere mobilitati davanti alla sede dell’esercito a Khartoum.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza