Roma, Meloni alla rimessa Atac: «Campi rom e degrado, qui si lavora in condizioni pessime» (audio)

venerdì 5 aprile 15:20 - di Liliana Giobbi

«Da anni Fratelli d’Italia denuncia i disagi collegati al campo di via Candoni. Siamo già stati qui altre volte ma purtroppo la situazione nel tempo è peggiorata. Qui non c’è solo un problema di degrado ma anche di sicurezza, per i cittadini e per gli operatori dell’Atac ai quali siamo venuti a portare la nostra solidarietà». Lo ha dichiarato il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni a margine della visita effettuata alla rimessa Atac di via Candoni a Roma. Il leader di FdI ha incontrato sul posto i dipendenti, portando la solidarietà di FdI per le condizioni difficili e l’assenza di sicurezza in cui i lavoratori operano quotidianamente. Giorgia Meloni ha anche visitato quella parte del deposito che confina col campo nomadi, una zona di sosta considerata a tal punto off-limits dagli operatori che, per evitare atti vandalici, incendi, lanci di sassi e furti, gli autobus non parcheggiano più lì.

I dipendenti Atac costretti a far fronte
ad atti vandalici e furti

«Non siamo più in grado di tollerare che ci siano zone franche come quelle di questi campi nomadi – ha dichiarato Meloni – e che, nei pochi casi in cui vengono sgomberati, questi nomadi abbiano dei punteggi di favore nell’accesso alle case popolari: è una discriminazione inaccettabile nei confronti dei cittadini. La proposta che Fratelli d’Italia ha presentato su come si debba risolvere la questione dei nomadi a Roma è seria – ha proseguito. «Se sei nomade devi comportarti da nomade e per te vanno allestite delle piazzole di sosta temporanee dove si può stare massimo 6 mesi, ci si allaccia alle utenze e si pagano . Se invece sei un cittadino italiano stanziale, come quasi sempre accade per questi nomadi, ti metti in fila per accedere ai servizi sociali come accade per tutti gli altri italiani poveri e in difficoltà», ha concluso Giorgia Meloni.

L’audio pubblicato da Giorgia Meloni sulla pagina Facebook

Ascoltate cosa è successo pochi mesi fa nella rimessa Atac di via Candoni a Roma che ho visitato stamattina. È inammissibile che in caso di problemi tecnici gli operatori devono chiedere permesso ai “vicini” del campo nomadi per poter accedere alla struttura e riparare il guasto.

Pubblicato da Giorgia Meloni su Venerdì 5 aprile 2019

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Silvia Toresi 6 aprile 2019

    Ma i rom sono nomadi o no?

  • In evidenza

    contatore di accessi