Rampelli ai deputati: «Chi si vergogna di parlare in italiano se ne vada all’estero» 

sabato 6 aprile 12:31 - di Massimo Baiocchi

«Si dice “pornovendetta”. Basta colonizzazione anglosassone. Chi si vergogna dell’italiano, emigri». È quanto scrive il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia sulla sua bacheca Facebook condividendo l’articolo dell’Accademia della Crusca nel quale i linguisti bocciano l’uso del termine “revenge porn”. «Proporrò alla prestigiosa Accademia un incontro – prosegue il vicepresidente Rampelli-  con i parlamentari della Repubblica e gli alti dirigenti della pubblica amministrazione incaricati di scrivere i testi legislativi per fornire qualche consiglio. La lingua italiana va tutelata. È una battaglia – ha concluso – che sto portando avanti alla Camera a volte con qualche insofferenza da parte dei legislatori e non solo».

Non è infatti la prima volta che accade. Sempre Fabio Rampelli, a gennaio, ammonì il deputato grillino Francesco Silvestri che, in un’interrogazione sul gioco d’azzardo, aveva fatto un uso piuttosto diffuso di termini anglofoni: «Preciso che per “marketing” s’intende “commercializzazione” e per “web” s’intende “rete”. Sempre perché siamo nel Parlamento italiano e questa presidenza auspica che gli atti ufficiali siano espressi in lingua italiana, aveva sottlineato Rampelli.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza