Quanto costa la manovra su pensioni e rdc: 100 mld in più nel triennio. Mattarella in allarme

venerdì 12 aprile 10:46 - di Redazione

Il Def (documento di economia e di economia e finanza) ha svelato quali saranno le conseguenze sui conti pubblici della manovra del governo giallo-verde: 103 miliardi di maggiori spese nel triennio in gran parte assorbiti dal capitolo pensioni, dal reddito di cittadinanza e dagli ammortizzatori sociali. Dove si troveranno i soldi? In parte dovrebbero arrivare dagli aumenti Iva, che però il governo smentisce di voler introdurre. Se ne riparlerà a ottobre, quando l’esecutivo metterà mano alla Finanziaria 2020.

Il ruolo di Mattarella

La situazione dei conti pubblici allarma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, secondo un retroscena su la Stampa, oltre a essere in apprensione per la frenata dell’economia, si sta preparando ” a tutti i possibili sviluppi determinati dalle elezioni europee, compresi quelli più traumatici: leggi ritorno anticipato alle urne”. Una nota del Quirinale esclude qualunque giudizio del presidente a proposito del Def (di cui avevano parlato due agenzie di stampa, Ansa e Agi) ma “nessuno può mettere in dubbio che Mattarella sia preoccupato. Chiunque abbia la testa sulle spalle si domanda dove verranno trovati i 23 miliardi per evitare lo scatto automatico dell’Iva , quelli per le eventuali manovre correttive e quelli necessari per finanziare la flat tax”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza