Paura in chiesa a Senigallia: immigrato ubriaco terrorizza parroco e fedeli

venerdì 19 aprile 15:56 - di Fabio Marinangeli

Paura in una Chiesa di Senigallia. Un immigrato, in stato di ubriachezza, è entrato e ha terrorizzato  i fedeli. Prima si è seduto in prima fila e ha urlato durante la funzione. Poi ha inveito contro il parroco. Sono immediatamente state chiamate le forze dell’ordine. Ma al loro arrivo, l’immigrato ha iniziato a urlare contro i poliziotti, tentando di divincolarsi per rientrare in Chiesa. L’uomo, un cinquantenne di origini sudamericane, in precedenza era entrato in un esercizio commerciale e aveva infastidito la proprietaria, che con difficoltà era riuscito ad allontanarlo, anche lei avvisando la Polizia.

Senigallia, la fuga dell’immigrato dal Pronto soccorso

Gli agenti di Senigallia, però, arrivati sul posto non avevano trovato l’immigrato. Quando i poliziotti sono riusciti a fermarlo in Chiesa, viste le sue condizioni, hanno chiamato l’ambulanza che ha condotto il cinquantenne in ospedale.  Anche lì il caos- Dopo il suo arrivo, infatti, l’immigrato si è allontanato dal Pronto Soccorso, facendo perdere le proprie tracce. Alla luce dei gravi fatti commessi, gli agenti hanno provveduto a denunciare l’uomo per i reati di interruzione di funzione e di resistenza a pubblico ufficiale; le autorità hanno anche elevato una sanzione per ubriachezza e hanno notificato al soggetto gli atti per l’allontanamento dal territorio del comune per tre anni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi