Milano, polemica per l’installazione di Pesce davanti al Duomo. Sala difende la “donna nuda”

sabato 6 aprile 15:10 - di Redazione

Curiosità e stupore in piazza Duomo per l’installazione davanti al Duomo, nell’ambito della Design Week, firmata dal designer Gaetano Pesce e ispirata alla sua storica poltrona «UP5&6». Alta otto metri, l’opera, intitolata «Maestà Sofferente», è una metafora della violenza sulle donne. L’installazione raffigura proprio un corpo di donna trafitto da un centinaio di frecce.

L’opera sta suscitando molta curiosità e c’è anche chi non gradisce. Sull’installazione il sindaco Giuseppe sala ha commentato: “E’ molto contemporanea nonostante sia di 50 anni fa. È giusto che se ne parli perché ci stupiamo ancora quando succede un femminicidio e se attraverso questa testimonianza se ne riparla, allora deve andar bene. E’ giusto rendere onore a Gaetano Pesce. A me non dispiace affatto, mi sembra un messaggio contemporaneo”. Il primo cittadino ha detto di non sapere se la Curia fosse stata informata dell’installazione che fa parte della prossima Design Week.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza