«Mi faccio esplodere»: durante una lite un operaio marocchino minaccia di far saltare tutti in aria

giovedì 18 aprile 10:59 - di Redazione

Una lite tra due operai, fa temere il peggio per tutti i presenti: è successo ieri nella tranquilla provincia di Mantova, per l’esattezza a Suzzara, nello stabilimento Iveco locale, dove durante una discussione con un altro dipendente, un marocchino 57enne ha fatto capire di avere indosso una cintura esplosiva e di essere pronto ad azionarla, minacciando far saltare tutti e tutto in aria.

«Mi faccio esplodere»: operaio marocchino minaccia i colleghi

Naturalmente l’uomo è stato denunciato per minacce aggravate: e il sospetto che davvero avrebbe potuto dare seguito a quanto intimato resta. Dalla ricostruzione della vicenda resa, tra gli altri, dal sito de Il Giornale, «il marocchino, a seguito di un litigio con un collega di lavoro, ha fatto intendere di avere addosso una cintura esplosiva e di essere pronto ad innescarla per un attentato terroristico». Fortunatamente la direzione aziendale non prende sottogamba le minacce, anzi, avverte tempestivamente la Digos che, in accordo con la procura di Mantova, interviene immediatamente.

Perquisizioni e provvedimenti dell’azienda per l’operaio marocchino

L’operaio marocchino, fermato, viene perquisito; non solo: viene perquisita l’abitazione provvisoriamente occupata dall’uomo in trasferta, viene perquisita l’abitazione dove l’operaio nordafricano risiede abitualmente, a Treviso; viene scandagliata la situazione da cima a fondo, seguendo il preciso intento di appurare la presenza di armi, di materiale esplosivo, o di elementi utili ad attestare eventuali legami dell’operaio straniero con ambienti del radicalismo islamico.  Non solo: oltre la denuncia, il marocchino è in attesa di conoscere le eventuali disposizioni dell’azienda nei suoi confronti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza