Mentre l’Onu perde tempo, in Libia il conflitto si estende. Haftar vuole il cessate il fuoco

venerdì 19 aprile 17:32 - di Giovanni Trotta

Mentre proseguono gli scontri alla periferia sud di Tripoli, è stallo al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla crisi libica. A causa dei veti incrociati, raccontano fonti diplomatiche, ancora non c’è un’intesa sulla bozza di risoluzione per il cessate il fuoco presentata nei giorni scorsi dalla Gran Bretagna. Il nodo che blocca il via libera alla risoluzione è legato al fatto che alcuni Paesi, come la Russia, chiedono che dal testo venga tolto ogni esplicito riferimento all’autoproclamato Esercito nazionale libico (Lna) del generale Khalifa Haftar, indicato come responsabile dell’inizio dell’escalation militare.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza